Un fiume artico è stato allagato con oltre 20.000 tonnellate di gasolio

Un fiume all’interno del circolo polare artico si è tinto di una spiacevole tonalità di rosso dopo un incidente industriale riversando oltre 20.000 tonnellate di gasolio nell’ambiente circostante.

La fuoriuscita di petrolio è iniziata il 29 maggio per colpa di un incidente in un impianto di proprietà di una divisione di Nornickel, il più grande produttore mondiale di nichel, vicino alla città siberiana di Norilsk. Secondo le autorità russe, il gasolio si è diffuso in maniera molto rapida nel fiume Ambarnaya a circa 12 chilometri di distanza dall’impianto. In tutta la superficie adiacente sono state trovate 800 tonnellate di gasolio.

Le operazioni di pulizia stanno comunque compiendo dei progressi e le autorità rassicurano sul fatto che la fuoriuscita di petrolio non abbia raggiunto il Mare di Kara, parte dell’Oceano Artico a nord della Siberia. Per confermare questo importante fatto dovranno essere eseguiti dei test di laboratorio.

Impianto industriale sulla sponda del fiume. Vista urbana e vista aerea.

Purtroppo, le acque circostanti e il suolo di Norilsk rimarranno contaminate per decenni. A partire dal 3 giugno, oltre 800 metri cubi di terreno contaminato sono stati rimossi dall’area e 262 tonnellate di gasolio sono state pompate dalle acque locali.

Gli ambientalisti sono preoccupati che l’incidente possa avere un effetto catastrofico sulla fauna selvatica locale. Il WWF-Russia che avverte che la fuoriuscita potrebbe danneggiare gravemente la salute di pesci, uccelli e mammiferi selvatici che vivono nella zona.

Il gasolio è più tossico del petrolio, e al momento le circostanze sembrano essere così enormi“, ha dichiarato Alexey Knizhnikov, capo del Programma per la responsabilità ambientale delle imprese presso il WWF-Russia.

Il presidente russo Vladimir Putin non è per nulla contento della situazione. Le autorità russe hanno scoperto l’incidente solo due giorni dopo che è iniziato attraverso immagini che si stavano diffondendo sui social media, comunica la notizia l’agenzia di stampa statale russa TASS. La risposta ritardata alla crisi ha fatto infuriare Putin che ha duramente rimproverato i funzionari locali della regione russa di Krasnoyarsk.

Perché i funzionari lo hanno scoperto solo due giorni dopo? Scoprire le emergenze attraverso i social network?” Ha detto sconcertato Putin in una videoconferenza mercoledì.

Dopo l’incontro, Putin ha dichiarato lo stato di emergenza federale per far fronte alla situazione. Sono stati inoltre avviati tre procedimenti penali contro il personale dell’impianto industriale con l’accusa di degrado del suolo, inquinamento idrico e violazione delle norme di protezione ambientale.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
La Redazione

La Redazione

commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]