Mentre il Covid-19 imperversa, la deforestazione nell’Amazzonia continua ad aumentare

Mentre i notiziari di tutto il mondo continuano a parlare della pandemia di Covid-19, la deforestazione nella foresta pluviale amazzonica del Brasile continua tranquillamente a salire indisturbata.

L’area di deforestazione distrutta nell’Amazzonia brasiliana nell’aprile 2020 era più alta del 64% rispetto ad aprile 2019, secondo i dati ufficiali forniti dal governo del National Space Research Institute (INPE) del Brasile, che utilizza i satelliti per tracciare la deforestazione. Questo è un grave problema ambientale di cui si parla poco ma che dovrebbe avere maggiore risalto mediatico.

Tramonto nella foresta amazzonica

Il sistema di monitoraggio della deforestazione, DETER, ha documentato 1.202 chilometri quadrati di foresta che è stata tagliata, bruciata e abbattuta nell’Amazzonia brasiliana dal 1 gennaio al 30 aprile 2020, con un aumento del 55% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’aumento della deforestazione si sta muovendo in linea con i tassi già registrati gli scorsi anni.

Tuttavia, alcuni speravano che i tassi di deforestazione potessero diminuire a causa della pandemia di Covid-19 e della conseguente recessione economica globale e minore attività dell’uomo nei confronti della natura. In realtà, sembra che sia successo il contrario.

Complice un minor numero di agenti ambientali che pattugliano le foreste pluviali e le crescenti difficoltà economiche nelle aree rurali, l’epidemia in corso ha solo alimentato le fiamme della bonifica illegale che sta devastando l’Amazzonia.

Alcuni dei più forti aumenti della deforestazione si sono verificati nell’Amazzonia brasiliana tra il 1991 e il 2003. Anche se i tassi di distruzione della foresta pluviale non sono attualmente vicini ai livelli record dei primi anni 2000, negli ultimi anni si è assistito a un’altra ripresa della bonifica.

Grazie alla spinta dall’aumento della domanda globale di materie prime come carne di manzo, soia e olio di palma si è ricorsi ad una grande deforestazione per liberare terra per il disboscamento, l’estrazione e l’allevamento.

Molti ambientalisti hanno chiaramente puntato il dito della recente crescente deforestazione all’amministrazione populista del presidente Jair Bolsonaro, le cui politiche “pro-business, pro-Brasile” hanno costantemente distrutto le protezioni ambientali e incoraggiato taglialegna, minatori e allevatori illegali nel tentativo di portare prosperità economica per la nazione.

Bolsonaro ha autorizzato le forze armate ad entrare nella regione amazzonica per reprimere gli incendi e il disboscamento in preparazione della stagione secca, che inizierà intorno a giugno. Nonostante queste misure, gli ambientalisti sono convinti che questo non porterà a grossi progressi per risolvere il problema.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
La Redazione

La Redazione

commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]