Valeriana, il rimedio naturale contro insonnia e nervosismo

Conosciuta da sempre per le sue proprietà rilassanti e calmanti, la Valeriana è in grado di agire sul sistema nervoso centrale favorendo il sonno. Inoltre i suoi principi attivi aiutano anche l’organismo in caso di crampi.

Appartenente alla famiglia delle Valerianacee, costituita da più di 150 specie, la Valeriana Officinalis cresce soprattutto in luogo umidi ed è diffusa maggiormente nelle regioni boscose europee, ma si trova anche in Nord America e nelle regioni tropicali sudamericane.

NEWSLETTER 1

Il nome botanico viene dal latino “valere”, cioè “essere sano”, mentre popolarmente è conosciuta anche come “erba dei gatti”, poiché il suo odore sembrerebbe esercitare una particolare attrazione, del tipo “stupefacente”, sui felini: per questo motivo raramente viene utilizzata nei giardini, pur essendo una pianta decorativa. Conosciuta fin dal Medioevo come panacea, la Valeriana è nota per le sue proprietà ipotensive, analgesiche, rilassanti e calmanti: la pianta infatti produce sostanze come terpeni, alcaloidi, flavonoidi, contiene acidi valerianici e iridoidi.

LEGGI ANCHE: CONTRO L’INSONNIA I RIMEDI NATURALI

insonnia
RIMEDI NATURALI PER COMBATTERE L’INSONNIA

I principi attivi sono contenuti in quantità più elevata nella radice, che è caratterizzata da un odore sgradevole e che viene raccolta nei mesi primaverili. La Valeriana è dunque decisamente utile per trattare i disturbi del sonno e gli stati ansiosi, come crampi addominali, nervosismo, palpitazioni e attacchi d’ansia. Può essere impiegata anche come antispastico a livello intestinale. La Valeriana si trova in erboristeria sotto forma di estratto secco, utilizzabile per la preparazione di tisana, ma anche di capsule o estratto liquido. La Valeriana Officinalis non viene utilizzata in cucina: non deve essere infatti confusa con la Valerianella, chiamata anche “songino” che appartiene alla stessa famiglia e che è usata per delle buone insalate.

VALERIANA PER FAVORIRE IL SONNO

I principi attivi della Valeriana agiscono sul sistema nervoso centrale: sono sedativi e favoriscono il sonno, riuscendo a ridurre il tempo che occorre per addormentarsi.

LEGGI ANCHE: 8 PIANTE CONTRO L’ANSIA

ANTISTRESS
ANTISTRESS NATURALI: 8 PIANTE CONTRO L’ANSIA

L’estratto della Valeriana innalza infatti i livelli di Gaba, un neurotrasmettitore dall’azione sedativa, e può aumentare l’effetto sedativo della melatonina che regola il ciclo sonno-veglia.

 

 

 

 

 

VALERIANA CONTRO CRAMPI INTESTINALI

Terpeni e flavonoidi contenuti nella Valeriana sono principi attivi che operano come antagonisti dei recettori dell’adenosina, che determinano un’azione spasmolitica sui muscoli: per questo la Valeriana aiuta l’organismo in caso di crampi e sindrome dell’intestino irritabile.

DOSARE LA VALERIANA

Nonostante i benefici che porta all’organismo, la Valeriana può avere anche effetti indesiderati. Per questo il dosaggio non dovrebbe superare le dosi di estratto consigliate, pari a 500-600 mg al giorno. Se si utilizza l’estratto sotto forma di gocce, le quantità non dovrebbero superare 20 gocce diluite in poca acqua, per 3 volte al giorno.

TISANA ALLA VALERIANA

Per rilassarsi a fine giornata, prima di andare a dormire può essere una buona idea quella di bere una tazza di tisana rilassante alla Valeriana, in grado di favorire il buon riposo dell’organismo.

LEGGI ANCHE: PASSIFLORA CONTRO L’ANSIA

PASSIFLORA
PASSIFLORA, UTILE PER COMBATTERE ANSIA E STRESS

Per preparare una tisana alla Valeriana, dalle spiccate proprietà sedative e consigliata in caso di insonnia o cattivo riposo, avrete bisogno di 250 ml (pari ad una tazza) di acqua da far bollire in un pentolino. Aggiungete poi 1 cucchiaino di radice di valeriana essiccata, da reperire in erboristeria, lasciate bollire ancora un paio di minuti, poi spegnete il fuoco. A questo punto lasciate in infusione per 10-15 minuti, infine filtrate l’infuso e bevete. Se assunta in eccesso, la tisana alla Valeriana può provocare palpitazioni e mal di testa: in questa eventualità, si consiglia di interrompere l’assunzione ed eventualmente reintegrarla dopo un paio di settimane.

CONTROINDICAZIONI

Se usata eccessivamente e con un uso prolungato nel tempo, la Valeriana può avere effetti collaterali come insonnia, aumento della pressione, mal di testa, eccitabilità. Si sconsiglia l’uso in gravidanza e allattamento e la somministrazione a bambini di età inferiore ai 6 anni. Da evitare quando si assumono barbiturici perché la Valeriana potrebbe aumentare l’azione sedativa.

 

 

Attenzione: Queste informazioni sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Non sostituiscono il medico generico o qualsivoglia specialista. Non vogliono e non devono sostituire le indicazioni del medico al quale vi esortiamo di affidarvi.  L’utilizzo, la somministrazione delle informazioni degli articoli sono di esclusiva responsabilità del lettore.  (ndr)

LEGGI ANCHE

Magnesio: contro crampi, nausea e ipertensione

Menta, un rimedio naturale contro emicrania e alitosi

Lavanda, contro le zanzare e per un buon riposo

 

 

 

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giorgia Fanari

Giorgia Fanari

Giornalista pubblicista freelance, blogger, social media specialist, laureata in Linguistica, sin da piccola le sue passioni sono l’ambiente e la scrittura. Nata e cresciuta a Roma, ama la sua città eterna ma le piace guardarsi intorno e viaggiare. Giorgia scrive e fotografa per l’Agenzia Giornalistica Globalpress, Eco dalle Città, collabora con l’ufficio stampa Press Play e partecipa come analista alla trasmissione di Rai Tre Tv Talk. Il suo blog è theecoowl.it. Da 8 anni è volontaria per Greenpeace Italia.

commenta:

Lascia un commento