Forse non tutti sanno che… il parmigiano non contiene lattosio!

Cosa trovi in questo articolo

Deriva dal latte, ma è adattissimo anche a chi è intollerante o allergico

Il Parmigiano è il formaggio italiano più famoso del mondo può essere tranquillamente mangiato da chi è intollerante al lattosio. Studi scientifici dimostrano inoltre che è innocuo anche per due soggetti allergici alla caseina su tre

NIENTE LATTOSIO

A volte chi fa i test per le intolleranze alimentari si dimentica un passaggio fondamentale: il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano non contengono lattosio. “Sei intollerante al lattosio? Niente latte e derivati!”, viene detto. Invece questi formaggi può mangiarli anche chi è intollerante, e non si tratta di una cosa di poco conto, considerato che in Italia sono contenuti pressoché in ogni primo piatto (e non solo). Parmigiano e Grana Padano sono tra gli alimenti più digeribili della nostra cucina, tanto che vengono dati ai neonati già ai primi stadi dello svezzamento.

IL LATTOSIO NON C’E’ PIU’

Ma com’è possibile, vi chiederete, che nessun formaggio vada bene e questi si? La risposta è semplice: durante la stagionatura, fermenti e batteri “digeriscono” il lattosio per noi. E’ probabilmente da questo “spunto” che molte aziende, soprattutto estere (ma qualcuna anche in Italia), hanno cominciato a produrre anche latte e altri latticini senza lattosio, proprio inserendo in fase di lavorazione i batteri che scindono questo zucchero in glicosio galattosio, processo che l’apparato digerente di chi è “intollerante” non è in grado di fare. Questo tipo di lavorazione, è importante ricordarlo, è assolutamente sicura e priva di effetti collaterali per l’organismo.

 ATTENZIONE ALLE ALLERGIE AL LATTE

Diverso, ma non di molto, è il caso di chi è allergico alle proteine del latte (ricordiamo, come già scritto in questo articolo, che le intolleranze riguardano il sistema digerente, mentre le allergie il sistema immunitario). Studi degli ultimi anni hanno dimostrato che due soggetti allergici alla caseina su tre sono asintomatici all’assunzione di Parmigiano Reggiano a lunga stagionatura. Il fenomeno è spiegato da un termine molto complicato, la “proteolisi”, processo attraverso il quale la caseina, principale proteina del latte, viene ridotta in parti sempre più piccole, fino ad arrivare ad averne una buona parte completamente ridotta in amminoacidi. Il Parmigiano sarà tanto più sicuro quanto più lunga sarà stata la maturazione, consigliamo quindi a chi è allergico alla caseina di provare con quelli che hanno avuto una stagionatura di almeno 30 mesi.

 

[email protected]
Visita il sito RICETTE SENZA. Troverai tante idee per chi ha intolleranze alimentari

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.