Le biomasse: l’energia pulita poco conosciuta

Cosa trovi in questo articolo

Cosa sono le biomasse? Forse è scontato per alcuni ma per molti non è così chiaro, facciamo un po’ di chiarezza

Se avete un allevamento di bestiame e/o produzioni agricole con un alto numero di scarti di tipo alimentare, forse non sapete che state buttando via energia pulita. Ma cosa si intende per biomasse? Forse è scontato per alcuni ma per molti non è così chiaro, facciamo un po’ di chiarezza. Quando si parla di biomasse si intende tutti quei materiali d?origine vegetale che possono venire da scarti di attività agricole, rifiuti di allevamenti o da scarti delle lavorazioni del legname. Iarkhi Studio di Bioarchitettura, dott. arch. Cinzia Bagnoli, dott. arch. Mattia Fantoni

Se avete un allevamento di bestiame e/o produzioni agricole con un alto numero di scarti di tipo alimentare, forse non sapete che state buttando via energia pulita.
Ma cosa si intende per biomasse? Forse è scontato per alcuni ma per molti non è così chiaro, facciamo un po’ di chiarezza.
Quando si parla di biomasse si intende tutti quei materiali d’origine vegetale che possono venire da scarti di attività agricole, rifiuti di allevamenti o da scarti delle lavorazioni del legname:

•    residui agricoli e forestali
•    legna o suoi residui della lavorazione
•    rifiuti dell’industria agroalimentare
•    reflui di allevamenti
•    rifiuti umidi urbani
•    specie vegetali coltivate per lo scopo

Dall’impiego di questi materiali in apposite centrali termiche, dove vengono bruciate, viene prodotta energia elettrica. La combustione che si genera è “pulita”: nell’ambiente vengono rilasciate soltanto le sostanze che il materiale ha accumulato nel corso del suo ciclo vitale, quindi carbonio, zolfo e azoto in quantità normali e assai inferiori a quelle derivanti dalla combustione di propellenti fossili.

Da non confondere il concetto di biomassa con quello della termodistruzione dei rifiuti: la biomassa è esclusivamente d’origine vegetale; i rifiuti indifferenziati, qui non si bruciano!
Quindi anche piccoli allevamenti, agricoltori o produttori, possono crearsi dei piccoli tesori rinnovabili dai loro rifiuti: in fondo la dimensione giusta per queste centrali è la piccola taglia, che permette di alimentarsi con risorse locali a km 0.
Quello che normalmente è un “rifiuto” naturale, un costo da sostenere, oggi può diventare una fonte rinnovabile preziosa da cui produrre energia pulita.

PER SAPERNE DI PIU’ SCRIVI  ALL’ESPERTO: Iarkhi Studio di Bioarchitettura, dott. arch. Cinzia Bagnoli, dott. arch. Mattia Fantoni, tell/Fax 0571-1721014, web: iarkhi

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.