Il kumquat ricco di potassio, vitamina C ed acido folico

Il kumquat anche detto mandarino cinese è un ottimo alleato per la salute. Oltre alla vitamina C è ricco di magnesio e calcio

Il kumquat è il frutto dell’omonimo albero, conosciuto anche come fortunella o mandarino cinese ed appartenente alla famiglia delle Rutaceae. La pianta si presenta come un piccolo albero, alto fino a 5 metri e dai rami molto fitti, talvolta dotati di spine. Le foglie sono lanceolate e di colore verde scuro, i fiori sono bianchi e molto simili a quelli di arance e mandaranci.
Il frutto del kumquat  è una sorta di arancia in miniatura, lunga massimo 4 cm e con buccia di colore giallo, arancione o rossiccio. Ci sono diverse varietà conosciute di kumquat, le più note sono: la “Fortunella margarita” (chiamata in Giappone “Nagami”) che ha una forma ovale ed una buccia liscia e ricca di oli essenziali, di colore verde quando è acerba e giallo-arancio nel pieno della maturazione; la “Fortunella japonica” (chiamata “Marumi”) che ha una forma tondeggiante e la buccia, se matura, di colore arancione; la “Fortunella hindsi“, che è caratterizzata da frutti piccolissimi (1,5 cm di diametro) dalla buccia arancione, mentre la “Fortunella Crassifolia” (chiamata anche “Meiwa”) ha, al contrario, i frutti più grandi e rotondi.

ORIGINE

Il kumquat è originario della Cina (in letteratura le prime descrizioni risalgono al XII secolo), ed è stato a lungo coltivato in Giappone. Fu introdotto in Europa nel 1846 da Robert Fortune, collezionista della London Horticultural Society. Originariamente fu classificato sotto il genere Citrus, e venne poi spostato nel genere Fortunella nel 1915. Il kumquat è attualmente coltivato in Cina, Giappone, Europa (Corfù e Grecia) e nel sud degli Stati Uniti (Florida). In Italia, cresce e fruttifica in Liguria.

LA COLTIVAZIONE

I frutti del kumquat sono ricchi di potassio, vitamina C ed A, acido folico e minerali come il potassio, il magnesio ed il calcio e sono  ottimi digestivi se consumati a fine pasto. Egualmente, sono ricchi di carotenoidi, responsabili del colore caratteristico e conosciuti per le loro proprietà.  Egualmente, questa frutta possiede quantità apprezzabili di fibra dietetica.

RICETTA DI KUMQUAT

Una ricetta particolare: Spaghetti al Kumquat (per 2 persone)

Ingredienti
10 Kumquat  (buccia e succo)
la buccia di altri 5 kumquat per decorare
1/2 cipolla
1/4 di dado da brodo
3 o 4 cucchiai di olio
1 cucchiaino di miele
1/2 bicchiere di brandy
sale q.b
una noce di burro

Preparazione
Tagliare la buccia dei kumquat a julienne con l’attrezzino apposito (o se non lo avete con una grattugia) e spremere il succo. Tritare finemente la cipolla e farla appassire lentamente nell’olio, poi aggiungere il dado e farlo sciogliere. A questo punto incorporare le bucce di kumquat, il succo e il cucchiaino abbondante di miele. Nel frattempo preparare gli spaghetti. Quando il sugo riprende il bollore, aggiungere il brandy e far restringere a fuoco vivace. Aggiustare di sale e non appena il tutto si sarà ristretto formando una salsa più cremosa, aggiungere gli spaghetti e saltarli in padella con una piccola noce di burro. Mettere nel piatto e guarnire con la buccia dei kumquat tagliata a julienne.

KUMQUAT CANDITO

Il kumquat si può consumare fresco, al naturale e con la buccia, che ha un sapore più dolce rispetto alla polpa acidula. Lo si utilizza per farne canditi, marmellate e macedonie, o per produrre succhi di frutta. Una ricetta classica abbina il kumquat alla carne d’anatra. Con la macerazione dei kumquat nella vodka o in altro spirito si ottengono ottimi liquori. Nelle Filippine si usa aggiungere kumquat al tè, sia caldo che freddo. In Vietnam, invece, sono molto diffusi i bonsai di kumquat a scopo decorativo.

LEGGI ANCHE

 

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giulia Bartalozzi

Giulia Bartalozzi

Giornalista, dal 2009 è responsabile della comunicazione per l’Accademia dei Georgofili (la più antica accademia del mondo che si occupa di agricoltura, ambiente e alimentazione) e per la Società Toscana di Orticultura. Per queste due prestigiose istituzioni, gestisce i rapporti con la stampa, i notiziari on-line (www.georgofili.info, www.georgofili.world, www.societatoscanaorticultura.it), le newsletter e i social network. Autrice di libri per bambini con 5 titoli pubblicati da Giunti. Appassionata di natura, arte ed enogastronomia.

commenta:

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]