La sesta estinzione di massa della fauna selvatica della Terra sta continuando ad accelerare

L’attuale sesto evento di estinzione di massa – un livello di perdita della fauna selvatica mai visto dall’estinzione dei dinosauri – sta guidando la perdita della specie a un ritmo sempre crescente.

Una nuova ricerca sta indicando che la perdita globale di vertebrati terrestri sta salendo alle stelle a una velocità mostruosa con centinaia di specie che ora sono in procinto di estinguersi.

Nella rivista Proceedings of National Academy of Sciences, i ricercatori dell’Università di Stanford mostrano come migliaia di specie in tutto il mondo sono minacciate dall’uomo e stanno per estinguersi

I fattori sono tanti, tra cui la crescita della popolazione, la distruzione dell’habitat, il commercio di specie selvatiche, l’inquinamento e cambiamento climatico.

Hanno scoperto che almeno 515 specie di vertebrati terrestri presentano meno di 1.000 individui rimasti e si potrebbero estinguere nei prossimi 20 anni, la maggior parte dei quali vive in regioni tro

picali e subtropicali nelle Americhe, in Africa e in Asia. Tra questi animali troviamo il rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis), la tartaruga gigante di Española (Chelonoidis hoodensis) e la rana Arlecchino; creature strane e meravigliose che stanno per scomparire.

Il pianeta sta attualmente affrontando un livello di annientamento biologico non visto in almeno 65 milioni di anni, quando si è verificato l’evento catastrofico di asteroidi che ha provocato l’estinzione dei dinosauri. Tutti e cinque i precedenti eventi di estinzione della Terra sono stati creati da forze astronomiche o geologiche, come i cambiamenti climatici causati da eruzioni vulcaniche o collisioni di meteoriti, ma questa estinzione attuale è quasi totalmente alimentata dall’attività umana.

Tartaruga Gigante

Uno dei principali risultati dello studio è stato l’effetto domino che l’estinzione può avere su altre specie – “l’estinzione genera estinzioni”, nelle parole dello studio.

“Quando l’umanità stermina popolazioni e specie di altre creature, sta tagliando l’arto su cui è seduta, distruggendo parti operative del nostro sistema di supporto vitale” afferma Paul Ehrlich, professore di studi sulla popolazione a Stanford School of Humanities and Sciences.

Il professore aggiunge anche che:

La conservazione delle specie in pericolo dovrebbe essere elevata a un’emergenza nazionale e globale per i governi e le istituzioni, pari alla perturbazione del clima a cui è collegata“.

Il cambiamento climatico sta portando gravi problemi all’essere umano ed è compito di tutti noi adottare un cambiamento nel modo di rapportarci all’ambiente più consapevole ed ecosostenibile.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
La Redazione

La Redazione

commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]