La Feijoa sellowiana pianta insolita e commestibile

La Feijoa sellowiana è un sempreverde che regala bellissimi fiori e gustosi frutti dal sapore di ananas e fragola

La Feijoa sellowiana, detta anche Acca sellowiana e Pineapple Guava, è un arbusto a più fusti, sempreverde, a crescita lenta, che può arrivare a 47 m. Le foglie sono scure, lucide e spesse. I fiori, medio-piccoli, spesso raccolti a gruppi sono numerosi, di colore bianco rosacei, hanno numerosi stami rosso violetti molto vistosi. Questa pianta, una volta prerogativa di vivai specializzati in piante insolite, è ormai diventata di facile reperibilità almeno presso i numerosi vivaisti ben forniti. I frutti hanno scorza verde, polpa bianca traslucida o giallastra, gelatinosa e con numerosi piccoli durissimi semi; sono grandi come prugne, ovali o piriformi, e sono commestibili. I frutti sono anche estremamente profumati; sebbene non siano dolcissimi, il sapore della loro polpa morbida è stato descritto come un gusto a metà tra l’ananas e la fragola.

LA MATURAZIONE DELLA FEIJOA SELLOWIANA

La maturazione del frutto avviene di solito nei mesi di settembre e ottobre. Quando raggiungono la maturazione, i frutti si staccano spontaneamente dall’albero e cadono: questo è la maniera comune per procedere alla raccolta, dato che la buccia è robusta; si sbucciano con un coltello, o si estrae la polpa con un cucchiaino dal frutto aperto a metà, e si consumano freschi.

I FRUTTI DELLA FEIJOA SELLOWIANA
I frutti raccolti hanno una breve durata, 5 /6 giorni se conservati in luogo fresco. La raccolta al suolo è indicata soprattutto per la preparazione a breve termine di una confettura, adoperando come addensante la polpa di alcune mele, possibilmente acerbe. La feijoa viene coltivata anche in Italia; se ne possono trovare molti esemplari in Liguria, specialmente nella provincia di Imperia dove il clima è mite anche durante l’inverno. La sua coltivazione ha avuto particolare successo, oltre al Sudamerica che ne è terra d’origine, in alcuni paesi dell’ex-Unione Sovietica (Georgia, Azerbaigian) e in Nuova Zelanda.

L’ORIGINE
La Feijoa sellowiana, pur essendo di origine semi-tropicale, sopporta anche temperature moderatamente basse, (fino a -8 °C).
La specie è spesso autosterile, cioè per avere frutto è necessario coltivare almeno due varietà diverse. La pianta è molto resistente, accetta anche suoli sassosi o sabbiosi purché sufficientemente profondi, ma non sopporta suoli eccessivamente umidi e poco drenati. Sopporta discretamente la siccità (specie se in suolo profondo) e col suo fogliame robusto sopporta bene i venti salini. In luoghi ventosi le siepi di Feijoa sellowiana sono spesso usate proprio per proteggere dal vento.

PROPRIETA’ NUTRITIVE DELLA FEIJOA SELLOWIANA

La feijoa sellowiana è molto importante per le sue proprietà nutritive e organolettiche; il frutto ha pochi grassi, ha un’elevata concentrazione di iodio (3 mg./100 gr. di prodotto fresco ), la cui la scarsità nell’organismo umano produce l’insorgenza del gozzo, e non contiene colesterolo. Nella composizione del frutto è stata segnalata la presenza di vit. C e di Betacarotene (precursore della vit. A). Foglie, frutti (soprattutto i semi) e steli hanno proprietà antibatteriche. I frutti presentano, inoltre, proprietà antiossidanti. Oltre tutte queste caratteristiche nutrizionali e organolettiche, è importante menzionare le proprietà che ne determinano l’uso in campo cosmetico. L’estratto vegetale è ricco di principi attivi con funzionalità emollienti, ammorbidenti, toniche, rinfrescanti, elasticizzanti, dermo-purificanti e stimolanti e viene usato da diverse aziende nella composizione dei propri prodotti.

IN CUCINA
In cucina, la Feijoa sellowiana è utilizzata per fare frullati di frutta, marmellate e gelati, per aromatizzare vino e liquori, per dare sapore a yogurt, nonché per dare più sapore a risotti e secondi di carne. Le foglie essiccate, forniscono un delizioso infuso dolce e profumato ed anche i fiori, dolcissimi, vengono aggiunti alle insalate o gustati tal quale perché si sciolgono in bocca con una gradevolissima sensazione di fondente. Questa pianta, una volta prerogativa di vivai specializzati in piante insolite, è ormai diventata di facile reperibilità almeno presso i numerosi vivaisti ben forniti.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giulia Bartalozzi

Giulia Bartalozzi

Giornalista, dal 2009 è responsabile della comunicazione per l’Accademia dei Georgofili (la più antica accademia del mondo che si occupa di agricoltura, ambiente e alimentazione) e per la Società Toscana di Orticultura. Per queste due prestigiose istituzioni, gestisce i rapporti con la stampa, i notiziari on-line (www.georgofili.info, www.georgofili.world, www.societatoscanaorticultura.it), le newsletter e i social network. Autrice di libri per bambini con 5 titoli pubblicati da Giunti. Appassionata di natura, arte ed enogastronomia.

commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]