Spugne naturali dall’Asia alla Sardegna

Cosa trovi in questo articolo

Da una disavventura commerciale e un po? di testardaggine, le spugne di luffa artigianali di Laura Meloni, prodotte nell’orto e lavorate nel laboratorio di famiglia

Spugne naturali, spugne di luffa ipoallergeniche e biodegradabili ottenute dalla “luffa cylindrica”, una pianta della famiglia delle zucche. Succede in Sardegna, dove questa pianta originaria dell?Asia tropicale ha trovato un habitat ideale.
«Tutto è iniziato 15 anni fa – racconta Laura Meloni – quando a mio marito Marcello è stato proposto di coltivare un ettaro di luffa nella sua azienda agricola. Il raccolto è stato molto abbondante ma non è stato mai ritirato né pagato. Ci siamo ritrovati quindi con una montagna di ortaggi che a malapena conoscevamo». Con un po? di testardaggine e tanti sacrifici hanno provato a trasformare questa situazione spiacevole in qualcosa di positivo.
Negli anni hanno realizzato pouff, materassini, presine, cuscini, sottopentole, ma la loro produzione principale sono le spugne per il corpo e per la casa, che vendono a erboristerie, farmacie, negozi di prodotti naturali e a gruppi d?acquisto.
«La spugna vegetale è composta di fibre naturali e biodegradabili, si può lavare in lavatrice con il resto del bucato. Inoltre non trattiene il sapone, si sciacqua facilmente e asciuga in fretta. E? perfetta per l?igiene personale, sul corpo è delicatamente esfoliante e aiuta la circolazione. Senza dimenticare la pulizia della casa, compresi piatti e pentole antiaderenti. Noi la usiamo anche per lavare l?automobile!».Spugne naturali, spugne di luffa ipoallergeniche e biodegradabili ottenute dalla “luffa cylindrica”, una pianta della famiglia delle zucche. Succede in Sardegna, dove questa pianta originaria dell’Asia tropicale ha trovato un habitat ideale.

«Tutto è iniziato 15 anni fa – racconta Laura Meloni – quando a mio marito Marcello è stato proposto di coltivare un ettaro di luffa nella sua azienda agricola. Il raccolto è stato molto abbondante ma non è stato mai ritirato né pagato. Ci siamo ritrovati quindi con una montagna di ortaggi che a malapena conoscevamo». Con un po’ di testardaggine e tanti sacrifici hanno provato a trasformare questa situazione spiacevole in qualcosa di positivo.

 

Da allora ogni anno Marcello coltiva la luffa e Laura la trasforma nel laboratorio nato nel cortile della loro casa di Samassi, nella provincia del Medio Campidano. «Si semina a inizio primavera e con la maturazione la polpa del frutto si modifica e, da morbida e commestibile diventa fibrosa e spugnosa. Da settembre può iniziare il raccolto: tutto viene fatto a mano. Di fatto la sua produzione è interamente biologica (anche se non certificata), in quanto non usiamo nessuna sostanza chimica. Ha bisogno solo di acqua, sia per crescere che per essere lavorata. E la lavorazione è interamente manuale: uso mani, forbici e macchina da cucire».

 

Negli anni hanno realizzato pouff, materassini, presine, cuscini, sottopentole, ma la loro produzione principale sono le spugne per il corpo e per la casa, che vendono a erboristerie, farmacie, negozi di prodotti naturali e a gruppi d’acquisto.
«La spugna vegetale è composta di fibre naturali e biodegradabili, si può lavare in lavatrice con il resto del bucato. Inoltre non trattiene il sapone, si sciacqua facilmente e asciuga in fretta. E’ perfetta per l’igiene personale, sul corpo è delicatamente esfoliante e aiuta la circolazione. Senza dimenticare la pulizia della casa, compresi piatti e pentole antiaderenti. Noi la usiamo anche per lavare l’automobile!».

Spugne Vegetali di Laura Meloni – Via Garibaldi 41, Samassi (Cagliari) – www.spugnevegetali.it

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.