Sardegna: gratis le auto elettriche per le vie di Cagliari

Cosa trovi in questo articolo

La giovane azienda sarda Ischìda offre ad abitanti e turisti un servizio di free-taxi su auto elettriche in giro per la città

A Cagliari da qualche settimana girano per la città dei “puntini colorati” silenziosi ed ecologici. Quattro auto elettriche offrono un servizio di free-taxi ad abitanti e turisti. Si tratta del progetto Movirìndi (muoviti, in sardo) della società Ischìda (un altro nome sardo, che significa colei che è sveglia) nata nel 2009 per fare innovazione sostenibile per lo sviluppo locale.
I due soci sono Nicola Pirina, trentaseienne esperto di sviluppo locale e project management, e Pierluigi Merlin, ingegnere meccanico trentacinquenne e ci raccontano la loro storia.
«Alcuni anni fa cominciamo a studiare la mobilità sostenibile, in particolare quella elettrica. La scopriamo vicino a casa e totalmente made in Italy, con due prodotti d’eccellenza di cui riusciamo a diventare importatori e distributori esclusivi per la Sardegna: la Birò della Estrima di Pordenone e la Zero della Tazzari di Imola.
Si tratta di veicoli bi-posto a trazione totalmente elettrica che nascono da anni di ricerche e processi di sviluppo e innovazione. Prende così inizio il progetto Movirìndi, in cui abbiamo investito tutti i nostri risparmi e al quale attualmente lavoriamo in otto, tra cui quattro “driver” che girano per la città con il servizio taxi gratuito».
Birò e Zero sono delle city car elettriche al 100%, cioè non sono ibridi o adattamenti di auto con motore tradizionale a combustione. Costano rispettivamente 8 e 24 mila euro e «sono ecologiche, silenziose, non emettono gas di scarico, permettono l’abbattimento dei consumi e dei costi di gestione e un risparmio anche indiretto (il bollo auto non si paga per i primi cinque anni, l’assicurazione è ridotta al minimo). Una ricarica per 100 km costa circa un euro e mezzo.
Per caricare le batterie (che hanno una durata media di 10mila km per la Birò e di 2mila cicli di ricarica per la Zero) basta una semplice presa di corrente domestica e se si ha a disposizione una rete a 380 Volts, si ricarica in meno di un’ora! Possono essere riparate dal proprio meccanico e si guidano a partire da 14/16 anni».
Ischida si regge sulla passione delle persone che ci lavorano e in giro per la città le piccole auto elettriche stanno riscuotendo molto successo: «oltre a Movirìndi stiamo portando avanti diversi progetti sulla mobilità elettrica, tutti con l’obiettivo di applicare e promuovere un modello di sviluppo locale sostenibile, innovativo, consapevole ed efficiente, raggiungendo un equilibrio fra il bisogno di spostamento delle persone e la riduzione delle congestione del traffico urbano e dell’inquinamento atmosferico e acustico. Se in 5 anni lo 0,1% dei sardi avesse una delle nostre auto elettriche sarebbe un ottimo risultato.
Per il momento, se vi trovate a Cagliari cercate uno dei nostri puntini colorati in movimento fatevi dare un passaggio gratuito verso la prossima meta della vostra giornata e regalatevi un tour sostenibile della città!».

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.