Sapone fatto in casa con e senza soda caustica

Con un po’ di pazienza e attenzione potrete fare in casa il vostro sapone, risparmiando e riciclando e preparando piccoli regali per i vostri amici.

Uno degli ingredienti principali per realizzare il sapone fatto in casa è la soda caustica, acquistabile in erboristeria o dal ferramenta, cui bisogna prestare grande attenzione. Per usare la soda caustica sono necessari: occhiali, mascherina e guanti. Per questo vi suggeriamo anche una ricetta di sapone fatto in casa che non prevede l’uso di soda caustica, da sostituire con la lisciva.

NEWSLETTER 1

SAPONE FATTO IN CASA CON L’OLIO DI OLIVA

Per il sapone fatto in casa da utilizzare per mani e corpo avrete bisogno di: 1 kg di olio di oliva, 300 grammi di acqua fredda, 128 grammi di soda caustica (utilizzate la bilancia di precisione). Non preoccupatevi se quando userete il sapone non farà schiuma, in assenza di olio di ricino è normale. Per il procedimento, scegliete contenitori e utensili in acciaio. Per la stagionatura vanno bene invece anche contenitori e formine in plastica. Utilizzate sempre guanti di plastica, e coprite la la superficie di lavoro con fogli di giornale. È importante fare massima attenzione quando si utilizza la soda caustica: è un materiale pericoloso, da maneggiare con cura, per questo è indispensabile portare guanti di gomma, ed eventualmente occhialini e mascherina per riparare il naso e la bocca dal vapore che la soda produce quando viene diluita. Meglio ancora sarebbe preparare il sapone in un ambiente arieggiato o vicino a una finestra aperta. Nel caso ci fosse inalazione o contatto con la pelle, ricorrete al medico o al pronto soccorso. Dopo aver preparato la stanza da lavoro, cominciate versando in una pentola con i 300 grammi di acqua tutta la soda (attenzione: la pentola NON è sul fuoco). Mescolare con un cucchiaio in acciaio per far sciogliere la soda: a questo punto la temperatura dell’acqua aumenterà, fate attenzione al vapore. Mentre aspettate che il composto di acqua e soda si raffreddi, fate bollire l’olio in una pentola d’acciaio fino a 40-45° (da controllare con il termometro per i liquidi), poi spegnete il fuoco. Quando il composto di acqua e soda sarà tiepido (verificatelo toccando il contenitore all’esterno e non il composto stesso), versatelo nell’olio e cominciate a mescolare con il mestolo in acciaio: la reazione renderà l’olio sempre più cremoso e la temperatura aumenterà leggermente. Potete velocizzare il procedimento mescolando per un minuto con un frullatore ad immersione. Continuate dunque a mescolare con il cucchiaio, prima frequentemente e poi sempre meno fino a quando il composto non diventa freddo. Aggiungete ora le gocce di olio essenziale che preferite. A questo punto, travasate tutto il liquido freddo negli stampini o in un contenitore più grande, aspettate che il sapone si indurisca un paio di giorni prima di sproporzionato o toglierlo dagli stampini. Infine, lasciate a stagionare 6-8 settimane in un luogo riparato e asciutto.
SAPONE FATTO IN CASA SENZA SODA CAUSTICA
Potete preparare un sapone naturale in casa anche evitando la soda caustica, ingrediente spesso presente che tuttavia deve essere maneggiato con molta cura e attenzione. Avrete bisogno di 5 litri d’acqua, 1 kg di cenere, 750 ml di olio di oliva, 50 gr di amido, essenze profumate a piacimento.
Al posto della soda caustica dunque dovrete usare la liscia: per prepararla occorre procurarsi della cenere di legno (da una stufa a legna, o magari rivolgendovi ad una pizzeria con forno a legna). Setacciate la cenere e mettetela con l’acqua in una pentola: lasciate bollire a fuoco lento per 2 ore mescolando di tanto in tanto. Successivamente, fate freddare il liquido e filtratelo con un panno bianco di cotone, collocato magari sopra un secchio in cui andrà a finire tutta la lisciva. Mettete da parte in un contenitore mezzo litro di lisciva e aggiungetevi l’amido, la restante parte vi servirà invece da unire all’olio che nel frattempo avrete scaldato in una pentola fino a raggiungere i 30° (da verificare con l’aiuto di un termometro per liquidi ). Mescolate per bene, poi aggiungete anche la lisciva in cui avete sciolto l’amido. Continuate a mescolare. Portate ad ebollizione la miscela ottenuta continuando a mescolare nello stesso senso fino a che non si otterrà un composto piuttosto denso, quasi come la densità della polenta; se questa densità tarda ad arrivare è necessario versare altra lisciva fino a che non otterrete la consistenza desiderata. A questo punto, potete aggiungere le essenze che volete per avere un sapone profumato, mescolate ancora un po’ e infine versate il contenuto ancora caldo negli appositi stampini o in un unico contenitore. Lasciate riposare per 40 giorni, in un luogo asciutto ed al riparo dei raggi del sole.

 

 

LEGGI ANCHE:

Come realizzare le bolle di sapone in modo naturale ed ecologico

Detersivo fatto in casa: come farlo con 45 centesimi

Come preparare il detersivo per la lavatrice in casa

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giorgia Fanari

Giorgia Fanari

Giornalista pubblicista freelance, blogger, social media specialist, laureata in Linguistica, sin da piccola le sue passioni sono l’ambiente e la scrittura. Nata e cresciuta a Roma, ama la sua città eterna ma le piace guardarsi intorno e viaggiare. Giorgia scrive e fotografa per l’Agenzia Giornalistica Globalpress, Eco dalle Città, collabora con l’ufficio stampa Press Play e partecipa come analista alla trasmissione di Rai Tre Tv Talk. Il suo blog è theecoowl.it. Da 8 anni è volontaria per Greenpeace Italia.

commenta:

3 risposte

  1. Ciao. Ho provato più volte a fare il sapone con la lisciva seguendo le quantità indicate ma non riesco mai a raggiungere la fase nastro. Il composto mi rimane sempre molto liquido. Ho provato anche ad aggiungere lisciva in fase di cottura ma niente. Cosa sbaglio? E soprattutto quanto devo cuocere prima di solidificarsi? Grazie

  2. Buonanotte. Vorrei cimentarmi a fare un sapone con olio di oliva, olio essenziale di mandorla ed una ricca percentuale di latte di capra. Il tutto senza soda caustica. Tutte le “ricette” con il latte trovate prevedono però soda caustica. Mi interessano molto le proporzioni e quanto sapone si produce con determinati quantitativi dei diversi ingredienti. Mille grazie, Giovanni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.

Bentornato!

Inserisci i tuoi dati per accedere:

[wlm_loginform]