Pomodorini in salamoia: ricetta veloce

Cosa trovi in questo articolo

Pomodorini in salamoia: una ricetta gustosa per mettere in salamoia oltre ai pomodorini anche zucche e cavoli

Pomodorini in salamoia: nella ricetta che stiamo per darvi, abbiamo messo in salamoia dei pomodorini ciliegia rossi e gialli, ma niente vi vieta di sperimentare questa semplicissima ricetta con altri tipi di verdura, come cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, zucca e zucchine.
La salamoia è un’antichissima tecnica di conservazione dei cibi che consiste nel far fuoriuscire una parte di acqua dal cibo per far entrare nelle cellule il sale che è stato disciolto nel liquido della salamoia medesima. Questo procedimento crea un ambiente dove è difficile lo sviluppo di microrganismi dannosi, sia in superficie che dentro i cibi medesimi.
La salamoia, infatti, è una soluzione acquosa di sale (circa il 3,5%) o sale e spezie nella quale si immergono gli alimenti che si vuole conservare.
In onore della salagione, i Romani costruirono la via Salaria, una strada consolare che parte da Roma e giunge a Porto D’Ascoli, per potersi approvvigionare del sale dal Mar Adriatico.

Ingredienti

  • Pomodorini ciliegia
  • 20 gr di Sale
  • 1 litro d’acqua
  • 10 foglie di Alloro
  • 10 foglie di Basilico
  • 5 spicchi di Aglio

Lavare con cura i pomodorini. Munitevi di un ago sterilizzato e fate 2-3 buchetti su ogni pomodoro che adagerete in vasetti di vetro sterilizzati: non riempite completamente i vasetti poiché l’acqua di salamoia ne farà alzare il livello.
Nel frattempo procedete con la preparazione della salamoia: fate sobbollire l’acqua con il sale, l’aglio, il basilico e l’alloro, e versatela nei vasetti con i pomodorini.
Fate riposare 10 minuti e sterilizzate i vasetti riempiti per 20 minuti.
Si conservano chiusi e sottovuoto per 1 anno. Una volta aperti vanno tenuti in frigorifero e consumati entro cinque giorni.

Categorie:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giulia Landini

Giulia Landini

Ciao sono Giulia Landini, sono una coach e ti aiuto a leggere la storia che il tuo ciclo mestruale ti sta raccontando. Seguo le donne in percorsi individuali, donne che vogliono conoscersi di più attraverso il ciclo mestruale e la luna e il modo in cui si presenta. Sono anche il direttore editoriale di questo portale ;-), mi dedico con gioia e curiosità al marketing sostenibile, che vedo come un aiuto per tutte quelle realtà che fanno bene al Pianeta, ma che si vergognano di dirlo al mondo intero!
Tutti i miei articoli

Una risposta

  1. Ciao e Grazie molte per questo bell’articolo! Per me e la prima volta che faccio i pomodorini in questo modo e ti volevo chiedere precisamente : il passaggio di far bollire i vasetti dopo che si è già aggiunta acqua bollente e sale è necessario? Questa bollitura serve per sterilerizzare ed evitare la formazione di botulismo? Un’altra domanda in relazione ai vasetti: devono essere di un peso/spessore specifico e a chiusura ermetica o qualunque vasetto può andare (per dire anche vecchi vasetti di marmellata ovviamente sterilizzati prima …)? Scusa per le domande un po’ tecniche, ma vorrei essere certa di fare le cose per bene ! Grazie, un caro saluto!

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.