Piante spugna contro i metalli pesanti: le nuove ricerche del Cnr

Cosa trovi in questo articolo

I terreni inquinati possono essere rigenerati grazie alle piante “spugna”, così assicurano dal Cnr, grazie alla fitodecontaminazione infatti si possono estrarre i metalli pesanti dai terreni. Sono tre le varietà di piante utilizzate: i girasoli, il mais e la brassica che è una pianta della famiglia dei cavoli. 
“Elevate concentrazioni di metalli in forma diffusa e parcellizzata quali polveri, microparticelle presenti nell’aria, nel suolo e nelle acque”,  spiega  Franco Gambale, direttore dell’Istituto di biofisica (Ibf) del Cnr di Genova, “possono avere gravi conseguenze sulla salute umana e tra i metalli pesanti il piombo è l’elemento più diffuso. Le tecniche utilizzate fino a oggi, con elementi chimici, hanno limiti oggettivi sia per i costi di bonifica delle aree interessate, sia per gli effetti successivi al trattamento: perdita della fertilità e altre gravi alterazioni di natura chimica, fisica e biologica, tali che le aree inquinate rimangono inutilizzate per decine di anni”. 
La fitodecontaminazione, è un processo di purificazione naturale, in quanto, sfrutta la capacità delle piante di assorbire elementi e composti dal suolo per poi concentrarli nelle parti mietibili (fusto e foglie). Una volta estratti i metalli le piante vengono raccolte incenerite a basse temperature così da essere utilizzate anche per generare nuova energia
Per maggiori info: Cnr

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.