Muffin alle bacche di goji

Cosa trovi in questo articolo

Le bacche di goji, ormai famosissime, reinterpretate da Dana Frigerio in squisiti muffin dal colore estivo

Muffin: come gustarli con le bacche di goji. Finalmente ho assaggiato le famosissime bacche di goji. Hanno un sapore agrodolce e ricordano altri frutti rossi essiccati, un incrocio fra mirtillo e fragola, sono utilizzate per preparare bevande, frullati, insalate, biscotti, barrette energetiche e torte.
Le ho assaggiate insieme allo yogurt e ai cereali e devo dire che mi sono piaciute, ma non contenta ho provato anche a fare dei muffin con le bacche di goji, al posto dei classici mirtilli.

Sono venuti buonissimi! Ecco la ricetta dei Muffin con bacche di goji:
2 tazze di farina
1 tazza di zucchero
1 tazza di bacche di goji, ammollate precedentemente in acqua o liquore
1 bustina di lievito
2 rossi d’uovo
2 bianchi d’uovo montati a neve
Come procedere
Facilissima, unire tutti gli ingredienti in una ciotola, poi mettere l’impasto a cucchiaiate negli stampi da muffin contenenti i pirottini di carta e infornare a 180° per 25 minuti.

Bacche di goji
Cosa sono: Le bacche di goji sono i frutti di un arbusto che cresce spontaneo nelle valli dell’Himalaya, della Mongolia, del Tibet e della Cina; esistono due specie: il Lycium barbarum  e il Lycium chinense, sono entrambe della famiglia delle Solanaceae e sono coltivate da migliaia di anni.

Come si presenta il frutto in natura:
E’ una bacca di colore arancione rossa di 1 massimo 2 centimetri di lunghezza, dalla forma leggermente allungata e contenente molti semini gialli appiattiti.

Come si presentano:
Sul mercato questi frutti sono venduti principalmente come bacche essiccate.

Perché fanno bene:
Le bacche di Goji rappresentano un potente rimedio antinvecchiamento, sono infatti ricche di sostanze antiossidanti, oltre che ricche in vitamina E, vitamine del gruppo B (B1, B2, B6) e vitamina C.

In giardino e in terrazzo:
Il goji è un arbusto che forma dei folti cespugli, si coltiva in posizioni soleggiate e può raggiungere i 2 m di altezza. Si consiglia la potatura invernale, eliminando i rami dell’anno precedente che hanno prodotto le bacche.

Dana Frigerio
http://dana-gardendesign.blogspot.it/

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.