Mers, 2300 contagiati dal virus simile alla Sars

Cosa trovi in questo articolo

La Mers sta scoppiando in Sud Corea: 6 morti, 87 casi accertati e 2300 persone in quarantena. Gli esperti italiani però rassicurano però:” Non c’è motivo di limitare i viaggi”.

La Mers è la nuova epidemia? Ancora nessuno si azzarda a pronunciare la parola epidemia, ma è già panico in Corea del Sud per la Mers (sindrome respiratoria mediorientale) un coronavirus simile alla Sars per il quale non esiste cura o vaccino e che è arrivata nel paese asiatico tramite un 68enne coreano di ritorno da un viaggio in Arabia Saudita e altri paesi del Golfo Persico effettuato a maggio.
I NUMERI DEL CONTAGIO
I numeri della Mers crescono di giorno in giorno, gli ospedali si riempiono di contagiati e pazienti con panico da contagio.
Ad oggi sono 2300 le persone ricoverate e in quarantena fra cui tutti e 105 gli abitanti di Daejeon un villaggio 140 km. a sud di Seul, 1800 le scuole chiuse, 6 i morti, 87 i casi accertati e 24 gli ospedali di Seul coinvolti.
LA MERS COME SI MANIFESTA
La malattia si manifesta con febbre, tosse e difficoltà respiratorie, e in alcuni casi anche con polmonite e insufficienza renale. Secondo gli esperti, il virus si trasmette solo con contatto diretto e non per via aerea.
Il tasso di mortalità è del 36 per cento e non esiste ancora un vaccino o una terapia specifica alla Mers. Oltre all’Arabia Saudita e alla Corea del Sud, altri casi sono stati registrati in altri paesi mediorientali, tra cui Giordania, Kuwait, Oman, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Yemen e Libano.
LA MERS IN SUD COREA
In Corea del Sud è la situazione numericamente più importante. E’ proprio l’ Organizzazione Mondiale della Sanità a che sta tenedo sotto controllo l”evoluzione dell’epidemia e il tipo precauzioni che il Governo sta mettendo in atto per fronteggiare l’epidemia della Mers.
LE AUTORITA’ ITALIANE RASSICURANO
“Non vi è necessità di limitare viaggi per lavoro e turismo né nella penisola arabica né in Sud Corea” rassicurano gli esperti italiani “considerando che nelle patologie respiratorie il paziente asintomatico non trasmette l’infezione. E’ sufficiente evitare di venire a contatto ravvicinato con persone chiaramente febbrili con tosse, raffreddore o starnuti. Buona norma lavarsi frequentemente le mani anche con i comuni gel portatili e avere a disposizione mascherine chirurgiche in caso di incontro occasionale con persone che manifestino sintomatologia respiratoria e febbrile da Mers.

 

ISCRIVENDOTI ALLA NEWSLETTER hai diritto ad un BUONO SCONTO DEL 10% per il tuo primo acquisto effettuato! Iscriviti ora, ti arriverà via email il codice sconto! ISCRIVITI QUI

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.