Mangiare vegetariano fa bene al cuore

Cosa trovi in questo articolo

Chi mangia vegetariano ha il 32% in meno di probabilità di incorrere in cardiopatie ischemiche

Periodicamente da questo ampio progetto emergono nuovi risultati che vengono pubblicati su riviste scientifiche e tra questi quello recente, ancora in fase di pubblicazione sull?America Journal of Clinical Nutrition che rivela il fatto che i vegetariani hanno una probabilità del 32% in meno di essere ricoverati e morire per cardiopatia ischemica. Dato che farà senz?altro piacere ma che non sorprenderà certo i vegetariani che conoscono bene i benefici dell?alimentazione plant based.Chi mangia vegetariano ha il 32% in meno di probabilità di incorrere in cardiopatie ischemiche: così riferisce una notizia di questi giorni proveniente dallo studio EPIC, uno studio di grande portata perchè eseguito su un campione molto ampio di persone (520.000) e in un arco temporale lungo: è infatti iniziato nei primi anni 90 e prosegue tuttora, indagando le relazioni esistenti tra alimentazione, stato nutrizionale, stile di vita e fattori ambientali con l’incidenza di cancro e altre malattie croniche.

Periodicamente da questo ampio progetto emergono nuovi risultati che vengono pubblicati su riviste scientifiche e tra questi quello recente, ancora in fase di pubblicazione sull’America Journal of Clinical Nutrition che rivela il fatto che i vegetariani hanno una probabilità del 32% in meno di essere ricoverati e morire per cardiopatia ischemica. Dato che farà senz’altro piacere ma che non sorprenderà certo i vegetariani che conoscono bene i benefici dell’alimentazione plant based.
Questo studio ha seguito 44.500 persone per 11 anni e mezzo e in questo periodo si sono verificati 169 decessi e 1235 fatti ischemici a livello cardiaco, ma per la maggior parte dei casi in persone onnivore.

Anche in ambito oncologico lo stesso progetto EPIC ha indagato il legame tra diversi tipi di tumore e alimentazione. Eppure alla domanda: il consumo di frutta e verdura è in grado di prevenire certi tipi di tumore, la risposta non è emersa in modo chiaro. Non c’è stata cioè un’evidenza schiacciante che indicasse che consumare abbondanti quantità di frutta e verdura proteggesse da alcune malattie.  

In altre parole consumare le  note 5 porzioni di frutta e verdura ha un effetto limitato in termini di prevenzione da sovrappeso, obesità , diabete di tipo 2 e diversi tipi di cancro se sono accompagnate da carne, formaggi, uova e cibi industriali. Se invece sono consumate abitualmente insieme a cereali integrali, legumi e semi oleosi l’effetto è altamente protettivo.
Il legame cioè tra consumo di cibi e malattie è una cosa, tra stile alimentare e malattie è un’altra: è importante quindi considerare l’alimentazione nel suo complesso piuttosto che singoli cibi o categorie di cibi.

Quante volte ci chiediamo se un certo alimento faccia male o faccia bene? Ho sentito di persone deluse dal fatto che i due cucchiaini di semi di lino al giorno consumati ogni giorno non avevano fatto abbassare il loro colesterolo, ma che non si erano preoccupate minimamente di diminuire o eliminare burro, formaggi e insaccati dalla loro tavola; o ossessionarsi nel bere acque iposodiche senza prendere in considerazione i quantitativi industriali di sodio che contengono bistecche e cibi animali in genere. Considerare un alimento in maniera “allopatica” o affidarsi troppo ad una sua vera o presunta funzionalità non ha senso quanto non lo ha costruire una casa con finiture di pregio ma su fondamenta d’argilla.

Dott.ssa Roberta Bartocci biologa nutrizionista e Vegcoach
Info: vegcoach

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.