L’orto spiegato ai più piccoli

Cosa trovi in questo articolo

Un ecosistema non genera rifiuti, la diversità è vita e le insalate non nascono nel supermercato. Occorre ritrovare, per i nostri bambini, consapevolezza verso l’ecologia e i cicli della vita. Come?

La questione è questa: perché insegnare ai bambini a fare un orto realizzando un laboratorio per bambini che sia efficace e utile?
E, soprattutto, a che pro mettere in mano ai nostri pargoli zappa e badile?
Il fisico e scrittore Fritjof Capra nel suo libro “Ecoalfabeto. L?orto dei bambini” spiega:
“Serve un programma scolastico che insegni ai nostri bambini i seguenti fatti fondamentali della vita: che un ecosistema non genera rifiuti. Gianfranco Zavalloni, dirigente scolastico fondatore di Scuola Creativa, un?associazione che promuove l?interazione didattica, il fare a scapito della passività, insieme ad altri professionisti e amanti della natura e dell?ecologia, ha scritto un libro, “Orti di Pace. Il lavoro della terra come via educativa”, edito dalla casa editrice Emi di Bologna. Pia Pera, giornalista e scrittrice, ha pubblicato moltissimi titoli sull?importanza di ritrovare la propria dimensione e umanità tramite la terra. L?ultimo libro da lei pubblicato è “Le vie dell?orto” per Terre di MezzoLa questione è questa: perché insegnare ai bambini a fare un orto realizzando un laboratorio per bambini che sia efficace e utile?
E, soprattutto, a che pro mettere in mano ai nostri pargoli zappa e badile?
Il fisico e scrittore Fritjof Capra nel suo libro “Ecoalfabeto. L’orto dei bambini” spiega:
“Serve un programma scolastico che insegni ai nostri bambini i seguenti fatti fondamentali della vita: che un ecosistema non genera rifiuti, dato che gli scarti di una specie sono il cibo di un’altra; che la materia circola continuamente attraverso la rete della vita; che l’energia che alimenta questi cicli ecologici deriva dal sole; che la diversità garantisce la capacità di recupero; che la vita sin dai suoi primordi, più di tre miliardi di anni fa, non si è diffusa in tutto il pianeta con la lotta ma con la collaborazione, l’associazione e la formazione di reti”.

Non ci vuole uno specialista per affermare che molti bambini, principalmente i nati nelle città, i quali magari l’insalata l’hanno vista solo al supermercato (e che pensano sia nata lì!), sono, a livello alimentare, analfabeti. La carne nasce da McDonald’s e i pomodori vengono dipinti nelle serre.

Gianfranco Zavalloni, dirigente scolastico fondatore di Scuola Creativa, un’associazione che promuove l’interazione didattica, il fare a scapito della passività, insieme ad altri professionisti e amanti della natura e dell’ecologia, ha scritto un libro, “Orti di Pace. Il lavoro della terra come via educativa”, edito dalla casa editrice Emi di Bologna.
A proposito degli orti scolastici, Zavalloni ci conferma che “fare un orto a scuola, oggi, vuol dire andare controtendenza. Vuol dire imparare che il cibo è la più importante risorsa dell’umanità e saperla produrre da soli è un gesto di grande valore. Nell’orto i bambini imparano ad attendere, progettare, osservare, prendersi cura poiché nell’orto non ci si limita a seminare e raccogliere, ma anche, soprattutto col metodo biologico, a capire le malattie e a cercare di affrontarle con i mezzi che ci offre la natura stessa”.

Pia Pera, giornalista e scrittrice, ha pubblicato moltissimi titoli sull’importanza di ritrovare la propria dimensione e umanità tramite la terra. L’ultimo libro da lei pubblicato è “Le vie dell’orto” per Terre di Mezzo. Insieme ad altri professionisti e appassionati d’orto, ha aperto un blog, Ortidipace, una rete informale di persone che considerano orto e giardino un luogo ideale per intrecciare una serie di scambi con la natura, l’ambiente e la comunità.
Nel Manifesto si legge che “Chiunque, nel rispetto dell’ambiente, coltivi la terra lavora anche per la pace. Anche quando i conflitti mettono a repentaglio la sopravvivenza, e li chiamano per questo orti di guerra, sono sempre e comunque orti di pace”.

Pia Pera non ha dubbi: “Per i bambini l’esperienza nell’orto è un grande dono, di serenità, di gioco, di gioia, un luogo dove apprendere tante emozioni che rendono forti, liberi, calmi e indipendenti soprattutto dal consumo coatto, dai bisogni indotti in modo artificiale dal mercato”.

I 10 perché dell’orto (da spiegare NON SOLO ai bambini)

Cari genitori e insegnanti, è chiaro che siete voi l’esempio per i vostri piccoli: per cui è forse utile comprendere e sperimentare in prima persona il perché è così importante farsi un orto.

1 È divertente sporcarsi le mani
2 È importante conoscere da dove proviene ciò
che mangi
3 È educativo apprendere il ciclo della natura
4 È multidisciplinare legare l’educazione alimentare,
la scienza, l’ecologia
5 È ecologico (e divertente) compostare i nostri avanzi
6 È bello apprendere all’aperto
7 È straordinario vedere crescere le piante
8 È naturale seminare e raccogliere
9 È magico vedere nascere un frutto
10 È buono mangiare una fragola appena raccolta

Fare l’orto con vostro figlio, nipote, alunno vi riconnetterà alla Terra e a lui, potrete inventare tanti giochi educativi e creativi per gestire lo spazio: ecco per voi tre idee!

1 – Riciclare! Riutilizzando vecchie cassette della frutta: si dipingono esternamente con colori per legno ecologici, si foderano internamente di tessuto non tessuto colorato, si riempie di terra e si semina o trapianta.

2 – Giardinetto aromatico Zen! Si può creare il Giardino Zen delle aromatiche: si prende una cassetta della frutta recuperata, si disegna e tinteggia esternamente, si fodera internamente di tessuto non tessuto, si riempie di terra e con dei sassolini si divide in quattro sezioni uguali. Ogni sezione la dedicherete a un’aromatica, metterete dei cartellini di legno dove scriverete il nome di quel giardinetto aromatico Zen: liberate la fantasia!

3 – Indovina Indovinello. Inventate dei giochi da fare con i vostri bambini! Come “Indovina indovinello, quando si mangia questo bell’orticello?”, alla scoperta della frutta e verdura di stagione.

 

Categorie:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Giulia Landini

Giulia Landini

Ciao sono Giulia Landini, sono una coach e ti aiuto a leggere la storia che il tuo ciclo mestruale ti sta raccontando. Seguo le donne in percorsi individuali, donne che vogliono conoscersi di più attraverso il ciclo mestruale e la luna e il modo in cui si presenta. Sono anche il direttore editoriale di questo portale ;-), mi dedico con gioia e curiosità al marketing sostenibile, che vedo come un aiuto per tutte quelle realtà che fanno bene al Pianeta, ma che si vergognano di dirlo al mondo intero!
Tutti i miei articoli

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.