Il regno dei profumi

Cosa trovi in questo articolo

Vivai da collezione: Angelo Paolo Ratto, il meglio della lavanda per un appassionante collezionismo vegetale

Bruno e un po’ ombroso lui (ma è solo timidezza), bionda e luminosa lei e due figli allegri e con lo sguardo intelligente che cattura tutto. Così si presentano Angelo Paolo Ratto e Monica Dan con corollario di quegli adorabili ragazzini che sono Matteo e Giacomo. Insieme hanno scelto di mescolare la vita, il lavoro e le piante e di accettare la strada in salita come necessaria per raggiungere i loro obiettivi di innamorati del verde e della natura. Entrambi con un background familiare vivaistico, sono in attività ad Albenga, noto centro per la produzione di piante del savonese da cui però hanno un po’ preso le distanze sin dall’esordio nel 1996.
Hanno indirizzato le sfide verso il collezionismo vegetale di qualità e uno stile di presentazione raffinato, come se fossero cresciuti alimentando ideali da sofisticati giardinieri inglese.
L’ambizione di due ragazzi autorizzati a mirare alto da un diploma agrario al prestigioso Istituto Aicardi di Sanremo adesso comincia a dare frutti. Angelo Paolo e Monica vestono di un suadente violetto la loro immagine, la pubblicità sui giornali di giardinaggio, il loro fres

chissimo sito internet (www.vivaioangelopaoloratto.it), sul quale riassumono in questo modo tutta una filosofia: “Una scelt

a di vita, la nostra, ad inseguire un sogno, ad aspettare le stagioni, i fiori i colori i profumi. Emozionarsi davanti una nuova vita nata in vivaio grazie al vento o alle api…chissà. Una fortuna poter scandire il proprio tempo insieme alla natura, coltivare ciò che più ci sta a cuore, per dare ad altri la possibilità di vivere gli stessi sentimenti e le stesse passioni…”.
E allora: alle erbe aromatiche degli esordi, declinate in tutte le versioni possibili, hanno aggiunto sul filo dei profumi le lavande, un elenco complesso di oltre 150 tra specie e varietà che li autorizza a definire con orgoglio la loro collezione in catalogo “la più importante in Italia”. Comprende anche una loro recente creazione e da quest’anno altre sei fantastiche varietà di Lavandula stoechas selezionate in Australia oltre alla rara L. buchii ‘June Ellen’ che fu creata dal vivaio Venzano di Volterra e a loro lasciata in eredità. Cresciuti sul mare della Liguria, era quasi scontato che dopo le aromatiche e le lavande la ricerca andasse verso altre piante adatte ai climi miti quali le salvie, o francamente mediterranee come i Cistus. Questi ultimi rappresentano la passione di Monica, che li coltiva in una quarantina di specie e varietà e ne continua a provare altri, scovati in giro per il mondo. “Ci sono cisti per ogni esigenza e la loro fioritura primaverile è spettacolare – dice con entusiasmo – e in più resistono molto bene in condizioni difficili: vento, siccità, terreno calcareo.”  Scrivendo nel sito che “la loro moltiplicazione è difficoltosa, forse per questo motivo non si trovano facilmente nei vivai” in fondo Monica sottintende che lei e suo marito Angelo Paolo però ci sono riusciti, per poterli proporre a chi vive le loro stesse passioni.   

Vivaio Angelo Paolo Ratto,  Reg. Paragi 7 – Fraz. Campochiesa d’Albenga (SV), Tel. e fax 0182.21240 Cell. 335.5373722,
www.vivaioangelopaoloratto.it

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.