Il cibo in posa. Ciack si gira!

Cosa trovi in questo articolo

In mostra a Bologna forme, colori, e sapori di Madre natura

In principio furono scorze di limoneCiak si gira. All’Accademia di Belle Arti di Bologna in via Belle Arti nr.54, fino al 1 novembre prossimo va in scena Il cibo in posa. Diciannove dipinti realizzati in Emilia fra Sei e Settecento dove protagonisti sono i molteplici aspetti, forme, colori, sapori, profumi di Madre natura. E i primi piani sono tutti per loro: cavoli esibiti come boccioli in fiore, verze con le foglie dalle tipiche coste callose, ciuffi di carote, agrumi tagliati a metà con la scorza ancora fresca.

E ancora: zucche, cipolle, uve, ciliegie, limoni e mele appena colte dall’albero che con tutte le loro asperità albergano in cestine di vimini di caravaggesca memoria a far da compagnia a taglieri di carne, salumi, selvaggina ancora tiepida di vita, pesci e vasellame in peltro, il tutto disposto in mense disadorne. Oggetti più veri del vero, radicati nell’essenzialità del vivere quotidiano – come spiega Eleonora Frattarolo, docente di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia bolognese e curatrice della mostra – “testimonianze vive delle tradizioni di una regione molto legata alla specificità delle sue coltivazioni all’interno di una secolare cultura materiale”. “Siamo di fronte ad un mondo brulicante di vita e sensualità – conclude la professoressa Frattarolo – espressione di un genere artistico quello della natura morta, straordinario, ricco di impulsi e infinite potenzialità, tanto che è in programma una futura mostra sull’iconografia del cibo in Emilia fino ai tempi d’oggi”.
In principio furono semplice scorze di limone dipinte da Sosos di Pergamo nel II sec.a.C. E prima ancora che la natura morta trovasse la sua piena affermazione nella pittura d’Oltralpe, sarà Giotto a creare un geniale precedente allorché, come narra Vasari, durante il suo discepolato presso Cimabue, dipinse una mosca così perfetta da risultare viva, tanto che il maestro provò a scacciarla dall’affresco per poi accorgersi dello scherzo e del talento del suo allievo.
In mostra, in evidenza, una preziosa tela attribuita a Paolo Antonio Barbieri, fratello del Guercino, due capolavori di Cristoforo Munari, una coppia di dipinti di Candido Vitali e due rutilanti dipinti di Pier Francesco Cittadini.
E per finire le opulente dispense di Felice Boselli, i due encausti di Giuseppe Artioli e gli scenari con uve di Carlo Antonio Crespi e di Francesco Malagoli fino alla affettuosa cesta di pomi del cosidetto “pittore di Rodolfo Lodi”.

La mostra è aperta da martedì a sabato dalle 10,00 alle 18,00. www.accademiabelleartibologna.it – tel.051 4226411.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.