Come risparmiare in cucina sul gas, l’acqua e gli alimenti

Cosa trovi in questo articolo

L’avanzo è una risorsa, l’acqua è l’elemento naturale più riciclabile, la bolletta del gas può smettere di essere un incubo: come? Grazie alla cucina a impatto zero. Ecco tre passi per iniziare

Una delle stanze della casa più dispendiose per l’ambiente e per le proprie tasche è la cucina: la stanza più amata dagli italiani è anche la più vissuta e come tale la più dispendiosa.Qui ti spiaghiamo come come risparmiare in cucina sull’acqua, gas e rifiuti

Una delle stanze della casa più dispendiose per l’ambiente e per le proprie tasche è la cucina: la stanza più amata dagli italiani è anche la più vissuta e come tale la più dispendiosa. Cibo che va nel pattume, fonti di calore sempre in movimento, acqua che esce dal rubinetto copiosa.
Ma facendo attenzione e mettendo in moto la creatività, si trovano soluzioni davvero interessanti per creare la propria cucina a impatto zero.
Vediamo come iniziare a risparmiare in cucina
 
1 – L’AVANZO NON E’ UN RIFIUTO MA UN’OPPORTUNITA’
Non è una novità, la cucina degli avanzi è ormai piuttosto nota. Si tratta di considerare un avanzo di un pasto, lo ‘scarto’ della centrifuga, le bucce della frutta come un’opportunità e non come un rifiuto.
È interessante notare come la cucina regionale tradizionale dichiara proprio l’avanzo come il Re degli ingredienti: una ricetta su tutte, la famosa ribollita toscana. Anche detta ‘minestra di pane’, la ribollita è cucinata a partire dal pane raffermo e dal minestrone di verdure (tutti noi sappiamo che nel minestrone ci va un po’ tutto quello che avanza nel frigorifero), ‘ribollita’ nei giorni successivi.
Ecco a voi la ricetta per risparmiare in cucina:
Ingredienti: pane raffermo, cavolo verza, cavolo cappuccio, cavolo nero, fagioli cannellini, carote, sedano, passata di pomodoro, cipolla, aglio,
Preparazione: tenete i fagioli 12 ore in ammollo e lessarli. Frullatene l’80% del totale, riponendo la crema (e i fagioli interi) nella pentola con l’acqua di cottura.
In un’altra pentola, soffriggete il sedano, la carota e la cipolla in due cucchiai di olio extravergine di oliva, addizionate il cavolo nero e bianco tagliati finemente. Aggiungete a queste verdure sia la crema che i fagioli interi con la loro acqua. Cuocete per 1 ora e 30 minuti il brodo, aggiungendo acqua se necessario.
In una zuppiera stratificate il pane raffermo tagliato a fette e bagnatelo con il brodo appena cucinato: proseguite così fino in cima.
Il giorno dopo, ribollite l’avanzo della zuppa: stufatela mescolando in padella, aggiungendovi 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva.
Anche il compost considera ogni scarto una risorsa: i rifiuti umidi si trasformano e diventano qualcosa d’altro.

 
2 – RICICLA L’ACQUA
 Della pasta, quella di bollitura dei cereali e delle verdure, di lavaggio degli ortaggi, dei fiori in vaso.   
L’acqua è una risorsa preziosa e come tale occorre utilizzarla con giudizio.
L’acqua di cottura dei cereali o delle verdure si recupera mettendo sotto lo scolapasta un recipiente: se non la utilizzate subito, potrete conservarla in delle bottiglie di vetro anche per 15 giorni.
Con l’acqua di bollitura dei cereali si può:
1 – Allungare sughi, minestre e stufati di verdure se risultano essere troppo secchi;
2 – Bagnare le vostre piante e fiori: in questo caso va bene diluirla con un 1/3 di acqua fresca. L’amido e i sali minerali gioveranno alla crescita delle vostre piantine;
3 – Lavare i piatti: versate l’acqua di bollitura nel lavello o in una bacinella, aggiungete un po’ di limone e bicarbonato, o qualche goccia di detersivo ecologico e avrete un lavaggio super ecologico delle vostre stoviglie!
4 – Con l’acqua di bollitura dei cereali si può impastare la pasta di sale, allungare gli acquerelli e le tempere;
5 – Grazie all’amido, l’acqua di bollitura della pasta è emolliente: potrete, quindi, utilizzarla per fare dei pediluvi o detergere il volto dopo esservi struccate;
6 – Ottima anche per lasciare a bagno i legumi: assorbiranno l’acqua necessaria e tutte le sue sostanze nutritive;
7 – Per bollire le verdure, potrete utilizzare l’acqua di cottura riportandola a ebollizione;
8 – Se fate il pane in casa, invece che acqua nuova, reimpiegate quella di bollitura dei cereali per impastare le vostre farine. Se vuoi imparare a fare il pane con la pasta madre.
L’acqua di lavaggio degli ortaggi o quella nei vasi dei fiori, si può utilizzare nello scarico del wc.

3 – CUOCI MENO E DIVERSAMENTE
La cottura inizia ad uccidere le proprietà dei cibi dai 42 gradi centigradi. Quindi, sarebbe buona norma mangiare spesso crudo, in alternativa, cuocere poco le verdure: in questo modo si risparmia anche sulla bolletta del gas (o sulla legna).
In generale, è bene cuocere i cereali (tranne la pasta che non si presta per una cottura assorbente), in modo che di acqua non ne rimanga; per capirci, il metodo del risotto sarebbe quello più indicato per non disperdere le sostanze nutritive.
Un altro metodo per risparmiare sul gas, è quello della cottura con la coperta, valido sia per i cereali che per i legumi: dopo averli ammollati, coprire i cereali o legumi d’acqua alla sera, portare a ebollizione per 5 minuti, spegnere e coprire la pentola con una coperta di lana. Al mattino i vostri cereali e legumi saranno cotti a puntino. Se fossero rimasti troppo crudi, ripetere i 5 minuti di bollitura e tenere coperto per un’altra mattinata.
Anche l’utilizzo della pentola a pressione è un buon metodo, veloce, consuma poca acqua e risorse energetiche.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.