Col cellulare sull’albero si combatte la deforestazione

Cosa trovi in questo articolo

Come prendere chi taglia gli alberi in Amazzonia? Con gli ‘alberi parlanti? dotati di cellulare trasmettitore che segnala tutti gli spostamenti

Come contrastare la deforestazione foresta amazzonica? In Brasile si sono inventati un modo originale di proteggere gli alberi: dotarli di telefoni cellulare inseriti nella corteccia. Come riporta The Indipendent, l’idea è venuta in Brasile. Apparecchi più piccoli di un pacchetto di sigarette sono appesi agli alberi delle aree protette in modo da poter avvertire le autorità e tracciare il legno quando viene trasportato. Questa tecnologia, chiamata ?Invisible Track? fa parte di un progetto pilota sperimentato da un’azienda olandese specializzata in sicurezza, la Gemalto. Questo permette di tracciare il percorso degli alberi dell?Amazzonia in tempo realeCome contrastare la deforestazione foresta amazzonica? In Brasile si sono inventati un modo originale di proteggere gli alberi: dotarli di telefoni cellulare inseriti nella corteccia. Come riporta The Indipendent, l’idea è venuta in Brasile. Apparecchi più piccoli di un pacchetto di sigarette sono appesi agli alberi delle aree protette in modo da poter avvertire le autorità e tracciare il legno quando viene trasportato.

I dati sono poi spediti a dei sensori per permettere la localizzazione del trasporto all’agenzia dell’ambiente brasiliana, che può così individuare i trasgressori e fermare il commercio illegale di legname. Questa tecnologia, chiamata “Invisible Track” fa parte di un progetto pilota sperimentato da un’azienda olandese specializzata in sicurezza, la Gemalto. L’apparecchio trasmettitore ha una batteria che può resistere fino a un anno, progettata in modo da resistere alle intemperie del clima amazzonico.

Questo permette di tracciare il percorso degli alberi dell’Amazzonia in tempo reale piuttosto che affidarsi ai metodi tradizionali di monitoraggio attraverso immagini satellitari, molto più lenti. Secondo Ramzi Abdine, direttore della Cinterion M2M, la filiale della Gemalto responsabile del progetto, questa nuova tecnologia potrebbe dare una svolta decisiva alla lotta alla deforestazione tramite la possibilità di tracciare il legname in aree vaste.

 

Veronica Caciagli

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.