Cereali senza glutine, serve più consapevolezza

Cosa trovi in questo articolo

I cereali senza glutine hanno un impatto diverso sulla nostra salute e su quella del pianeta perché le loro caratteristiche nutrizionali o di coltivazione variano notevolmente a seconda delle varietà.

Sceglierli e saperli distinguere è importante perché può condurre a migliorare lo stato delle cose e promuovere l’espansione di una cultivar anziché un’altra. Allo stesso tempo è un atto di responsabilità essere consapevoli della composizione di un alimento, che sia pasta, snack o prodotto da forno.

Facciamo un excursus, diviso in più puntante, così da conoscerli meglio.

Mais:

ne esistono diverse tipologie, bianco, giallo, rosso, rostrato, blu, nero, arlecchino, ma la più diffusa è la seconda. Purtroppo di questa esistono solo varietà “geneticamente migliorate”, cioè progettate per alte rese e resistenza a parassiti (vale anche per le coltivazioni biologiche), che richiedono grandi quantità di acqua per l’irrigazione. Le altre, invece, sono state parzialmente trascurate dall’industria sementiera e, di conseguenza, sono più sostenibili e richiedono, per la crescita, quantità di acqua nettamente inferiori, di solito sono sufficienti le piogge. Il mais giallo ha anche una elevata quantità di nichel (2,5mg/Kg valore medio), tale che è sconsigliato a intolleranti o allergici. Alcune varietà di mais bianco, invece, ne contengono 0,074mg/kg. Questo a dimostrazione che non tutta questa specie va demonizzata ma va approfondito lo studio, diffusa l’informazione. Il blu e nero hanno alte quantità di antiossidanti e, grazie a contadini virtuosi, sono coltivate anche in Italia.

Quinoa:

molto diffusa da 5 anni, è considerata il cereale proteico per eccellenza. Ne esistono varie tipologie, con più o meno saponine. Queste sono sostanze anti-nutrienti che è bene togliere prima della cottura ed è per questa ragione che si dice che la Quinoa vada lavata in abbondante acqua. Esiste però la Vikinga, che ne contiene pochissime ed è coltivata in Italia con metodo biologico. Perché scegliere questa? Basta leggere le notizie internazionali per scoprire la devastazione etica e agricola che le aziende agricole intensive stanno compiendo in Bolivia e nelle Ande: prezzi elevati per quello che fino a pochi anni fa era un cibo povero, ormai non più accessibile alle fasce deboli di popolazione, deforestazione, sfruttamento della manodopera.

Sorgo:

senza dubbio il cereale più ricco ed equilibrato tra quelli senza glutine. In 100g troviamo il 41% del fabbisogno quotidiano di ferro, antiossidanti, vitamine e sali minerali. Ha un sapore neutro e soprattutto cresce senza bisogno di irrigazione artificiale. È il 5° cereale per importanza mondiale ma da noi è relegato all’alimentazione animale. Sorghum-ID, società francese, da 4 anni è impegnata per diffonderne la coltivazione per soppiantare mais giallo e soia, soprattutto quando sono OGM o GM.

Nella prossima rubrica continueremo con fonio, teff, amaranto e saraceno.

Vi invito a scrivermi per domande o approfondimenti

 

Monia Caramma
Food&Eating Designer
mentrelacqu[email protected]

Categorie:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Monia Caramma

Monia Caramma

Monia Caramma - Eating&Food Designer, Co-fondatrice di Bontasana, divulgatrice indipendente Sono Food&Eating Designer prima di tutto per passione. Progetto alimenti sostenibili curandone l’intera filiera: dal controllo della provenienza delle materie prime, alle tecniche e ai processi di trasformazione, fino al prodotto finito e confezionato. Credo fortemente che la sostenibilità ambientale si debba legare a quella sociale, e che un approccio etico e responsabile sia una prerogativa fondamentale per il futuro del cibo e dell’agricoltura. Ho iniziato il mio percorso di ricerca e approfondimento nel campo dei cereali più di vent’anni fa, e ben presto la filosofia in cui mi sono riconosciuta è diventata una missione: promuovere una cultura alimentare di valore attraverso la divulgazione di un’informazione libera e corretta, contribuendo così a creare una maggior consapevolezza nella scelta e nel consumo del cibo. Questa volontà, unita all’esperienza maturata in anni di ricerche, mi ha portata oggi ad essere Co- fondatrice e responsabile del dipartimento R&D di Bontasana, azienda vegan e bio produttrice di pasta gluten-free realizzata con cereali antichi e superfood crudi.
Tutti i miei articoli

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.