Ardengo Soffici, opere da scoprire

Cosa trovi in questo articolo

“Soffici e la cultura artistica dell’area pratese” attraverso l’affresco di Fognano in mostra al Museo Soffici a un anno dall’apertura. All’inizio degli Anni Trenta il podestà del Comune di Montale, Mario Ammirandoli, amico di vecchia data chiese a Soffici di decorare la fontana pubblica  nella frazione di Fognano allora raggiunta dall’acquedotto. La costruzione, a forma di tabernacolo avrebbe così avuto sul fondo una decorazione ad affresco: fu questa l’unica commissione pubblica compiuta da Ardengo Soffici che per la realizzazione – che durò dodici giorni – ebbe come collaboratori due giovani artisti, Quinto Martini e Leonetto Tintori.  Una mostra e un ciclo di conferenza dedicata proprio all’esperienza dell’affresco del grande tabernacolo di Fognano a Montale (Pistoia) ha dato il via  a una serie di appuntamenti al Museo Soffici, che indagano su “Soffici e la cultura artistica dell’area pratese” organizzati dall’assessorato alla cultura del Comune di Poggio a Caiano.  La mostra – curata da Luigi Cavallo (curatore del Museo Soffici), Luigi Corsetti (direttore del Museo) e Maria Pia Mannini (conservatrice del Museo Civico di Prato) –  di dipinti a olio e dei disegni  preparatori per l’affresco della fontana di Fognano che ha per tema il “Miracolo di San Francesco” realizzati da Soffici dal 1932 al 1934, oltre a pubblicazioni, riviste e documenti dell’epoca. Esposto anche un bozzetto inedito di Soffici preparatorio per la scena con “San Francesco e il Miracolo della Fonte” conservato al Museo Civico di Prato che documenta il lungo percorso creativo del tabernacolo di Montale e conferma l’importante collaborazione con Tintori. Di quest’ultimo è uno dei lavori meno conosciuti ma si rivelò determinate per gli sviluppi della sua attività come scrisse lo stesso Tintori che attribuisce a Soffici, dopo l’esperienza di Fognano, il merito di “mettere in moto” e “sviluppare” le sue possibilità “indicandomi – scrive Tintori – la via di una più approfondita ricerca anche se a scapito dell’inventiva e del successo”.  Il ciclo di conferenze al Museo Soffici continua fino a giugno per approfondire altri aspetti dell’influenza di Soffici nell’arte e nella cultura pratese. Il 7 maggio alle 21,15 Lucia Minunno storica dell’arte e curatrice, terrà la conferenza dal titolo “Soffici e Quinto Martini” e il 21 maggio alle 21 sarà a volta dello scrittore e critico d’arte Marco Moretti che si occupa da anni di movimenti artistici e letterari del Novecento. Moretti in questa occasione parlerà di “Soffici e la poesia di Bino Binazzi”. Il ciclo di conferenze si concluderà a Prato, il 10 giugno alla Biblioteca Lazzerini dove Luigi Cavallo terrà la conferenza su “L’artista Ardengo Soffici” mentre  Maria Pia Mannini si soffermerà su “Soffici e gli artisti pratesi”. Per informazioni: Museo Soffici www.museoardengosoffici.it,  tel. 055 8701287/0/1.

 

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.