Agrofarmaci:da Ricasoli 12 ettari di Sangiovese dedicati al progetto Magis

Cosa trovi in questo articolo

Ma il Barone non si farà mancare 40 ettari di vigneti dedicati al biologico

 La ricerca e la sperimentazione, come si sa, sono sempre state di casa a Brolio. Dunque era del tutto naturale che Barone Ricasoli fosse tra e prime cantine italiane ad aderire al progetto Magis, promosso dall’Unione Italiana Vini in collaborazione con Bayer Crop Science. Il progetto ha preso avvio in seguito alla prossima entrata in vigore di un nuovo regolamento comunitario che a partire dal 2013 regolamenterà l’utilizzo degli agrofarmaci in agricoltura.

L’azienda ha così dedicato al progetto un grande vigneto di 12 ettari coltivati a Sangiovese. Di questi, 5 ettari sono gestiti secondo il protocollo di difesa ottimizzato che viene fornito direttamente dai responsabili scientifici del progetto, che vede coinvolte anche le Università di Firenze, Milano e Torino.
I restanti 7 ettari invece sono gestiti in maniera diretta secondo il normale calendario aziendale. Nel corso dell’anno sono stati effettuati vari prelievi di foglie per verificare eventuali residui di prodotti, mentre le uve provenienti dalle due differenti porzioni di vigneto sono state sottoposte a vinificazioni separate, in modo da poter procedere ad analisi comparative. Per questi primi esami effettuati si aspettano a breve i risultati, che  saranno presentati a Rimini nel corso del prossimo Agrifil, il Salone della Filiera Agroalimentare, di scena presso il padiglione fieristico della cittadina romagnola dal 19 al 22 febbraio prossimi. Contemporaneamente e in maniera del tutto indipendente, Barone Ricasoli ha anche deciso di dedicare ben 40 ettari di Sangiovese a regime biologico.

La sperimentazione andrà avanti per un triennio, ossia per il tempo necessario per poter verificare e valutare differenze analitiche e costi di gestione.  Francesco Ricasoli dunque dopo aver realizzato la mappatura di tutti i  250 ettari di vigneto ed essere arrivato quasi alla conclusione del  lungo processo di selezione clonale e di omologazione di un clone di Sangiovese autoctono dei vigneti di Brolio, ha deciso di percorrere anche la strada della sostenibilità produttiva e della tutela del consumatore.

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.