Abbardente, l’acqua infuocata del Montiferru

Cosa trovi in questo articolo

L’acquavite (e i dolci all’acquavite) prodotti in Sardegna da un ex-meccanico che ha trasformato la sua officina in distilleria

Abbardente è uno dei due nomi (insieme a fil’e ferru) con cui comunemente è chiamata l’acquavite in Sardegna. Letteralmente significa “acqua ardente, infuocata”, ed è diventato anche il nome del prodotto di punta delle Distillerie Lussurgesi, piccola azienda di Santu Lussurgiu, in provincia di Oristano.

«Facevo il meccanico e invidiavo i miei compaesani impegnati in mestieri tradizionali, come il calzolaio, il sellaio, o l’allevatore. Così a fine 2003 ho trasformato la mia officina in una distilleria –  racconta Carlo Pische, proprietario dell’azienda – e ho cercato di immettere sul mercato una tradizione secolare dandole una veste moderna, attraverso un attento controllo delle materie prime e dei processi di lavorazione, oltre ad una cura meticolosa delle confezioni e del packaging».

Nascono così l’acquavite secca, quella aromatizzata al finocchietto selvatico e quella barricata, che rappresentano i fiori all’occhiello delle Distillerie Lussurgesi. A queste si aggiungono alcune specialità dolciarie a tema, come i cioccolatini con crema all’acquavite e il dolce farcito con uva passa e crema di cioccolato all’acquavite. Senza trascurare il notissimo liquore di mirto e altri alcolici tipici della Sardegna.

In Sardegna si distillano storicamente sia il vino che le vinacce, ma in linea con la tradizione della zona del Montiferru, Carlo ed i suoi due collaboratori utilizzano come materia prima esclusivamente il vino. Tutti i prodotti sono ottenuti artigianalmente attraverso processi non standardizzabili e senza aromi artificiali e sono imbottigliati ed etichettati a mano.

«Come fatturato e volumi siamo una piccola distilleria, ma siamo grandi come storia, perché rappresentiamo un paese con una lunga tradizione – sottolinea Carlo, mostrando dei documenti sull’importanza della distillazione nell’economia locale di Santu Lussurgiu e una bottiglia che testimonia la produzione di Cognac in paese fin dalla fine dell‘800 In cantina abbiamo una botte, con i sigilli del Monopolio di Stato, in cui sta invecchiando quello che dovrebbe diventare il primo brandy sardo ufficialmente riconosciuto da allora. È stato cinque anni in botte e fra qualche mese verrà imbottigliato.

Produrremo circa 500 bottiglie e alcune le venderemo all’asta. Pensiamo di organizzare un vero e proprio evento culturale, oltre che commerciale. Anche perché per il prossimo brandy sardo si dovrà aspettare un altro lustro!».

Distillerie Lussurgesi di Carlo Pische & C.
Via delle Sorgenti 14 – Santu Lussurgiu (Oristano)
www.abbardente.it

 

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.