• L'acido citrico: come risparmiare in casa usando prodotti per pulire ecologici
  • Come preparare in casa degli unguenti con oli essenziali fai da te
  • Pulisci la tua casa con le spezie, gli agrumi e gli oli essenziali
  • Riciclare tazzine da caffè
  • Come risparmiare in cucina fino al 10% dei consumi: il tutto in 10 mosse
  • Come fare in casa il Vermut con soli 3 euro e 10 centesimi
  • Erbe selvatiche commestibili, quali raccogliere a giugno
  • Come utilizzare semi, buccia e foglie del sedano: 5 idee per riciclarlo
  • Come fare un formaggio spalmabile risparmiando
  • Come realizzare una luce solare per la bici utilizzando un deodorante in stick
  • Lievito madre, ricetta della focaccia veloce
  • Polveri sottili, acari e formaldeide: come eliminarli dalla nostra casa
  • Come colorare i capelli in modo naturale
  • Come riciclare le foglie del carciofo, anche come tisana purificante
  • Come fare il kefir di latte e di acqua in casa (prima parte)
  • Nove metodi per riutilizzare l'acqua di bollitura dei cereali
  • Come risparmiare in casa diventando eco-sostenibili
  • Eco sesso: dal porno veg ai frustini fatti con le camere d'aria riciclate
  • Come realizzare le bolle di sapone in modo naturale ed ecologico
  • Come fare il bucato usando trucchetti ecologici
Scorri indietro Scorri avanti

Acque reflue: i sistemi di filtraggio naturali con la fitodepurazione

Il consumo sostenibile delle risorse idriche è il primo passo per un cambiamento ecosostenibile. Lo studio di bioarchitettura Iarkhi ci indica modi e tempi per realizzarlo

Acque reflue: i sistemi di filtraggio naturali con la fitodepurazione


La siccità che sta affliggendo l'Italia da maggio a settembre sta diventando una costante e non un fenomeno isolato. L'educazione al consumo sostenibile è il primo passo fondamentale da fare, per intraprendere un cambiamento ma le soluzioni sono altre: esistono impianti di riciclo e depurazione delle acque con “tecnologie” naturali, la Fitodepurazione e le Wetland.

Esistono ormai da anni sistemi di filtraggio naturale delle acque reflue, basato semplicemente su particolari piante acquatiche; la funzione principale di queste è proprio quella creare il giusto ambiente dove i microrganismi possano filtra le acqua reflue, sia domestiche che agricole e in alcuni casi industriali. Sono processi che si trovano in ambienti naturali umidi.
Questi impianti che sono chiamati Fitodepurazioni vengono classificati fondamentalmente dal sistema utilizzato e di conseguenza dal tipo di piante acquatiche impiegate:
1) a flusso superficiale o libero
2) a flusso sub-superficiale o sommersa
3) a flusso sommerso orizzontale
4) a flusso sommerso verticale


Questi sistemi che possono sia coadiuvare le fosse biologiche o sostituirle completamente, sono delle vasche di decantazione nel quali l'acqua per processi naturali di deflusso, passa attraverso quella che potremmo definire una “vasca artificiale” scavata nel terreno e impermeabilizzata; al suo interno si crea un ecosistema di micro batteri che depurano l'acqua.

In ambito di città e di campagna stanno prendendo molto piede i sistemi sommersi sia verticali che orizzontali, poiché non ci sono parti liquide emergenti ma solo le piante che solitamente sono delle semplici “cannuccie di palude”; questi sistemi a differenza di quanto si possa erroneamente immaginare, avendo il livello dell'acque, al di sotto del terreno, non produce odori sgradevoli o rifiuti che possano affiorare.
L'acqua che fuori esce dopo diverse ore per fenomeni di flusso o percolazione, è depurata; la normativa ci consente di usarla in ambito domestico per tutti gli utilizzi non potabili. Reimpiego in lavatrici, nelle cassette di raccolta dei bagni o per innaffiare orti e giardini.

Quelli superficiali o parzialmente sommersi, vengono impiegati per filtraggi delle acque di fogna; invece di scaricare nei fiumi i reflui, sono immesse acque pulite e non pericolose per la nostra salute o per l'ecosistema. Inoltre l'utilizzo di questa tecnologia naturale potrebbe ridurre e in taluni casi azzera il problema della siccità, consentendoci di utilizzare un' acqua che oggi consideriamo erroneamente sporca.

Limitare lo spreco di acqua, mentre ci si laviamo i denti o ottimizzare i cicli di lavaggio delle lavatrici e lavastoviglie, potremmo definirlo in termini web 1.0, del risparmio etico dell'acqua; ugualmente potremmo chiamare i sistemi di depurazione naturale dell'acqua, l'evoluzione 2.0, dove si ricicla anche l'acqua...!


Scrivi all’esperto di bioarchitettura
Iarkhi, Studio di Bioarchitettura, dott. arch. Cinzia Bagnoli, dott. arch. Mattia Fantoni. tell/Fax 0571-1721014. web: www.iarkhi.it


L'immagine dell'articolo è tratta dal sito esaesrl


like facebook Chiudi Finestra