IOricicloTUricicli: 24 progetti per un successo al Fuori Salone

Cosa trovi in questo articolo

Dopo due straordinarie edizioni cresce al Fuori Salone 2012 il successo dell’evento di eco design più innovativo di tutti i tempi: IOricicloTUricicli

Ventiquattro progetti di design ognuno espressione creativa di singoli o gruppi di lavoro che hanno sperimentato il riciclo di materiali. Un corollario suggestivo e variegato di design sostenibile che nelle giornate espositive ha riscosso un grandissimo consenso. Il tema di quest?anno ?IOricicloTUricicli 3 – c?è la crisi? c?è il design!? ideato e curato dall?Agenzia di Comunicazione Edizioni Eventi Misuraca&Sammarro.
Durante la Design week 2012 il NHOW hotel, location prestigiosa dell?evento nonché cuore di zona Tortona, è divenuto spazio effervescente di un vero e proprio Design Anticrisi!
Eco design, creatività, sperimentazione, sostenibilità, ironia ? ingredienti che ne hanno fatto a tutti gli effetti la mostra più travolgente della Settimana del Design!Ventiquattro progetti di design ognuno espressione creativa di singoli o gruppi di lavoro che hanno sperimentato il riciclo di materiali. Un corollario suggestivo e variegato di design sostenibile che nelle giornate espositive ha riscosso un grandissimo consenso.  Il tema di quest’anno “IOricicloTUricicli 3 – c’è la crisi? c’è il design!” ideato e curato dall’Agenzia di Comunicazione Edizioni Eventi Misuraca&Sammarro.
Durante la Design week 2012 il NHOW hotel, location prestigiosa dell’evento nonché cuore di zona Tortona, è divenuto spazio effervescente di un vero e proprio Design Anticrisi!
Eco design, creatività, sperimentazione, sostenibilità, ironia … ingredienti che ne hanno fatto a tutti gli effetti la mostra più travolgente della Settimana del Design!

I 24 progetti in mostra:
Vecchie scope divengono poetici steli con i vasi “Stork” a firma Sandra Faggiano; sci e tavola da snowboard raccontano “ke storia”, comoda panca di Odvlivingroom; brandelli di lycra si trasformano in un soffice pouf con “Bloom” di Elena Salmistraro. Radicalismo del design elegante e minimale nel progetto di Claudio Cappelletti+Manuel Castellino in cui si assiste alla svolta funzionale di manichette antincendio in “libreria e lampada” (wall\lamp 9487).

Lo spazio espositivo si compone di eccellenti objet trouvè: il “vaso inferno” by ArTWO Lab (da una catena di bicicletta); fino all’“illusion” di Silvia Donato in cui esili sedute divengono elogio alla leggerezza.

L’imperativo è non si butta via niente! così bottiglie creano sculture impensabili grazie all’artista del vetro Bianca Bassi. Lirismo assoluto nell’arazzo “Tappeto sonoro in LAnabemolle” di Tramare e Edilana; delicate e minimal chic le creazioni di FeM Paglia che aprono la sezione critical fashion. Sofisticati ed estremamente cool gli accessori “Edi” di Francesca Ferrara che porta “in passerella” i materiali dell’edilizia.

Non solo stilose collane ma anche ipotesi di decorazioni per pareti e duttili complementi d’arredo per la linea “a Rendere” del trio Claudia D’Aniello, Clarissa Mattei e Marta Pampana che recuperano bunner pubblicitari. Ben due i progetti sociali: Matu Project “message in bottle” a sostegno dei Paesi dei Sud del Mondo e La Casa di Pinocchio “la borsa matassa” realizzata da donne detenute.
Stoffe recuperate rivestono bidoni di plastica componendo un’eclettica seduta a firma Monica Borquez; il colore esplode con la “seduta\mocio” di Alessandro Acerra Hibu e nelle floreali creazioni di Chiara Palermo che fanno di un vecchio cestello della lavatrice, un fantastico pouf. Il legno recuperato è occasione per progettare un caleidoscopico sistema modulare by Dsquadro. Il design è sempre più sostenibile nei progetti di Mauro Fragiotta (termo con alluminio riciclato) e con Emanuele Busato che firma una lampada elegante nel suo minimalismo armonico.

Balle di fieno diventano oggetto raffinato nell’ipotesi d’arredo di Alessandra Fany&Alice Zeni e lamiere di produzione industriale tracciano il profilo di una “luce” etno-chic con Viviana Soligo la Maison Vivì. Ardite e sinuose le forme del cartone nel “cubotto” del gruppo Oon Design e nella “foglia” di Paolo Gentile che firma anche l’ eco-camino Drydesign. Last but not least, lo straordinario e comodissimo progetto “Otari” seduta e tavolo\poggiapiedi by Ateelier2Cè – Art Terre: dal recupero di pvc dal cut-off del settore auto alla realizzazione di un materiale inedito e robusto. Per un design elegante e contemporaneo.

 Info: www.misuracasammarro.com

Categorie:

Ti è piaciuto l'articolo? Condividolo con i tuoi amici!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Ricevi la newsletter sul mondo di StileNaturale

TI parliamo di sostenibilità...
e lo facciamo con Stile

ami la natura?
coccolati con un detersivo naturale

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOCKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito, chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti né utilizzati da noi fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità citate.