• I mille modi per usare il basilico (seconda parte)
  • Seitan fatto in casa: come prepararlo con le proprie mani
  • I mille modi di utilizzare la patata
  • Nove metodi per riutilizzare l'acqua di bollitura dei cereali
  • Come riutilizzare i copertoni senza inquinare
  • Cosmesi fai da te: come iniziare
  • Come fare in casa il dado vegetale a crudo
  • Come preparare il dedodorante fai da te con l'allume di rocca
  • Come riciclare i reggiseni
  • Erbe selvatiche commestibili: quali mangiare e raccogliere a marzo (prima parte)
  • Due ricette di marmellate da regalare: marmellata di mele e noci; marmellata di limoni
  • Come riciclare i tappi di plastica in modo creativo e ecologico
  • Come usare la lavanda in casa o per la persona
  • I mille modi per usare il sale da cucina: dalla pulizia del forno all'eliminazione delle erbacce
  • Idee regalo per Natale, economiche e fatte in casa
  • Sambuco, tutte le ricette per utilizzarlo
  • Farine forti e farine deboli: quali scegliere per il pane fatto in casa?
  • Il limone, un alleato naturale. I 10 modi per farne un buon uso
  • I mille modi per utilizzare la cipolla: dalla pulizia delle pentole a rimedio contro la forfora
  • I 6 modi per riciclare la farina: dal sapone fatto in casa a come pulire il rame
Scorri indietro Scorri avanti

Il vivaio delle piante strane piemontesi

Alla ricerca delle vecchie varietą di frutta piemontese: Daniele Viola e mamma Rosalba coltivano le nocciole tipiche della Val Susa e il Moscato San Valier

Il vivaio delle piante strane piemontesi


Conserva l’espressione serena e riservata anche adesso che gli hanno comunicato di non poter più chiamare ‘Tonda Gentile delle Langhe’ la varietà di nocciolo che si chiamava così già ai tempi di suo nonno Amilcare appassionato di frutticoltura e che va per la maggiore nel suo vivaio di frutta a metà della Valle Susa, un piede a Torino e l’altro tra le montagne che portano in Francia. Sembra, oltre che piemontese doc, un po’ inglese: quasi nulla lo agita facendogli perdere l’à plomb. Sicché alza solo in modo impercettibile un sopracciglio se gli si dice che dovrà sostituire tutti i cartellini della ‘Tonda Gentile’ perché, non avendolo fatto nessuno in Italia, ci ha pensato la Ferrero della Nutella a depositare il nome, ma in Argentina, dove fa coltivare la più buona e la più piemontese delle nocciole italiane. Daniele Viola è così, e non che non prenda posizione sulle cose. Ma l’estroversa in famiglia è la mamma Rosalba, sorridente e affettuosa nell’affiancare questo ragazzo volitivo che una decina di anni fa ha deciso di portare avanti l’attività del padre troppo presto mancato. Daniele è ferrato in materia e curioso, requisiti necessari per trovare ancora vecchie varietà interessanti, soprattutto delle sue montagne, e per mettere in coltura specie frutticole di varietà nuovissime, ed è abile a innestare. Infatti il lavoro non gli manca e le mostre di giardinaggio alle quali partecipa in giro per l’Italia gli riconoscono i meriti. La sua specializzazione sono i meli e i castagni, ma in catalogo ha molte altre specialità locali, talvolta davvero rappresentative della Val Susa terra di confine, quale l’uva di origine francese ‘Moscato San Valier’ a chicchi piccoli, sferici e verdi, dolcissima e profumata, adatta sia alla tavola sia alla vinificazione. O come il susino ‘Briansunas’ che, lo ricorda il nome dialettale, era popolare a Briançon, ma per usi non alimentari. Dunque un susino interessante non tanto per il frutteto del goloso, quanto per quello dell’etnobotanico colto, essendo una specie endemica (Prunus brigantiaca) di un tratto di Alpi a cavallo tra le due nazioni. Madre e figlio si contendono la palma di provetti ricercatori circa le piante “strane” e nella sfida quasi quasi a vincere è la deliziosa Rosalba con tutti i suoi fagioli, i suoi pomodori, i suoi cetrioli, i suoi ortaggi esotici di cui riceve i semi dal fratello missionario in Centro America. Propone i semi nelle manifestazioni, presentati con stile in un classificatore dipinto a mano e in primavera, per nulla intimorita dalla formalità di mostre di giardinaggio come Masino e Orticola a Milano, riempie un banco di bicchierini di plastica che contengono piante ortive speciali ai primi stadi di sviluppo. Sensibile alla tutela dell’ambiente, Daniele Viola conduce il vivaio facendo attenzione a non ferire il territorio e a conservarne le risorse e intanto a margine delle file di fruttiferi coltiva per passione faggi, agrifogli e conifere nane, che colleziona con la stessa silenziosa riservatezza. Chissà mai che diventino un’altra specializzazione.

Viola vivai: via Nazionale 4 - 10050 Villar Focchiardo (TO) www.violavivai.com


like facebook Chiudi Finestra