• Guida all'uso dello yogurt scaduto: dalla crema mani al balsamo per capelli
  • Ricetta, Torta di mele e yogurt senza uova
  • Come fare i grissini riciclando la pasta madre
  • Tarme nei vestiti: come allontanarle dal guardaroba con rimedi naturali
  • Forfora, i rimedi naturali: dall'ortica alla barbabietola
  • Percarbonato: tutti gli usi dello sbiancante naturale
  • Riciclare piatti di porcellana
  • Erbe selvatiche commestibili: quali mangiare e raccogliere a marzo (prima parte)
  • Risparmio energetico: la guida pratica per risparmiare in casa
  • Come fare un formaggio spalmabile risparmiando
  • Nove metodi per riutilizzare l'acqua di bollitura dei cereali
  • Pulizie di casa: i 7 usi del sale marino
  • Tre trucchetti per risparmiare sulla spesa
  • 10 libri sull'autoproduzione e decrescita che non possono mancare nella vostra libreria
  • Compost: ecco la compostiera fai da te per il compostaggio domestico
  • Sei fiori da seminare nell'orto per la lotta biologica
  • Pulizia del viso: come fare una maschera viso fai da te per combattere l'acne
  • Idee regalo per Natale, economiche e fatte in casa
  • Guida al risparmio dell'acqua del rubinetto, in casa e in giardino
  • Sos lievito madre! Ma è morto veramente?
Scorri indietro Scorri avanti

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni

Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull'inquinamento atmosferico

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni


La qualità dell’aria a Pechino non è più un segreto di stato. Non solo perché l’Ambasciata statunitense twitta non autorizzata ogni ora i dati sull’inquinamento atmosferico ma anche perché quest’estate sono volati in cielo degli aquiloni un po’ speciali che hanno avviato un sistema di monitoraggio dal basso che unisce insieme tecnologia, design, attivismo ambientale con la tradizione cinese di far volare gli aquiloni.

Gli aquiloni nel cielo notturno


Gli artefici di questa iniziativa sono stati due studenti della Carnegie Mellon University Deren Guler e Xiaowei Wang che hanno coinvolto la popolazione locale nel progetto FLOAT Bejing. Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull’inquinamento atmosferico.

La tecnologia utilizzata per FLOAT Bejing sfrutta Arduino ed è dotata di luci a Led colorate che si illuminano di un colore diverso a seconda del tasso d’inquinamento. I dati rilevati geolocalizzati poi possono essere memorizzati su una piccola schedina SD.
Lo scorso agosto i due ricercatori hanno tenuto dei seminari con la popolazione su come assemblare insieme queste colorate stazioni di rilevamento volanti. Il tutto si è rivelato molto semplice da utilizzare e il workshop è servito anche per iniziare a parlare del problema dell’inquinamento atmosferico in città.



like facebook Chiudi Finestra