• Erbe selvatiche commestibili, quali raccogliere a giugno
  • Dallo shampoo alle pomate: quante cose puoi fare con l'amido di mais
  • Come risparmiare in casa in modo ecologico e felice
  • Nuova vita ai barattoli in vetro per  semi di piante
  • Profumatori per ambienti naturali con olio essenziale
  • Come auto produrre il detersivo per lavastoviglie
  • Come colorare i capelli in modo naturale
  • Erbe selvatiche commestibili: quali raccogliere ad aprile, prima parte
  • Come utilizzare semi, buccia e foglie del sedano: 5 idee per riciclarlo
  • Pulisci la tua casa con le spezie, gli agrumi e gli oli essenziali
  • Come creare la ghirlanda di Natale con materiale riciclato
  •  Come risparmiare in casa sui detersivi e i prodotti per la pulizia
  • Oleoliti alimentari: come estrarli da erbe spontanee, spezie e aromi naturali
  • Tutto sui G.A.S. italiani: quanti sono, come si organizzano, dove trovarli
  • Dalle bolle di sapone alla pasta da modellare: come fare in casa i giochi ecologici
  • Latte di riso: la ricetta per autoprodurlo in casa
  • Come fare il gomasio per le ricette vegan
  • Fiori commestibili: come utilizzarli per gustose ricette con i... fiori!
  • Erbe selvatiche commestibili: quali mangiare e raccogliere a marzo (prima parte)
  • Come risparmiare con l'autoproduzione
Scorri indietro Scorri avanti

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni

Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull'inquinamento atmosferico

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni


La qualità dell’aria a Pechino non è più un segreto di stato. Non solo perché l’Ambasciata statunitense twitta non autorizzata ogni ora i dati sull’inquinamento atmosferico ma anche perché quest’estate sono volati in cielo degli aquiloni un po’ speciali che hanno avviato un sistema di monitoraggio dal basso che unisce insieme tecnologia, design, attivismo ambientale con la tradizione cinese di far volare gli aquiloni.

Gli aquiloni nel cielo notturno


Gli artefici di questa iniziativa sono stati due studenti della Carnegie Mellon University Deren Guler e Xiaowei Wang che hanno coinvolto la popolazione locale nel progetto FLOAT Bejing. Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull’inquinamento atmosferico.

La tecnologia utilizzata per FLOAT Bejing sfrutta Arduino ed è dotata di luci a Led colorate che si illuminano di un colore diverso a seconda del tasso d’inquinamento. I dati rilevati geolocalizzati poi possono essere memorizzati su una piccola schedina SD.
Lo scorso agosto i due ricercatori hanno tenuto dei seminari con la popolazione su come assemblare insieme queste colorate stazioni di rilevamento volanti. Il tutto si è rivelato molto semplice da utilizzare e il workshop è servito anche per iniziare a parlare del problema dell’inquinamento atmosferico in città.



like facebook Chiudi Finestra