• Latte di semi di canapa fatto in casa
  • Percarbonato: tutti gli usi dello sbiancante naturale
  • Come fare in casa il dado vegetale a crudo
  • Nuova vita ai barattoli in vetro per  semi di piante
  • Come creare la ghirlanda di Natale con materiale riciclato
  • Come utilizzare l'acqua del condizionatore (seconda parte)
  • Come ti riciclo le bottiglie di plastica realizzando salvadanai, scope e barche
  • I mille modi per utilizzare la cipolla: dalla pulizia delle pentole a rimedio contro la forfora
  • Come far durare a lungo la lavatrice e tenerla pulita
  • Come essere risparmiosi al mare con il riciclo creativo
  • Cosmesi fai da te: come iniziare
  • Aceto, limone, acido citrico e bicarbonato per fare il bucato
  • Riciclare piatti di porcellana
  • Tarme nei vestiti: come allontanarle dal guardaroba con rimedi naturali
  • Il dentifricio fai da te lo puoi preparare in casa. Guida al colluttorio e al dentifricio naturale
  • Riciclare piatti di plastica e di carta
  • Come risparmiare gas: 10 consigli pratici per spendere meno
  • Risparmio energetico: la guida pratica per risparmiare in casa
  • Latte di soia: come farlo in casa in modo naturale
  • Come riciclare gli scarti vegetali per accendere il fuoco
Scorri indietro Scorri avanti

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni

Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull'inquinamento atmosferico

L'aria di pechino si monitorizza con gli aquiloni


La qualità dell’aria a Pechino non è più un segreto di stato. Non solo perché l’Ambasciata statunitense twitta non autorizzata ogni ora i dati sull’inquinamento atmosferico ma anche perché quest’estate sono volati in cielo degli aquiloni un po’ speciali che hanno avviato un sistema di monitoraggio dal basso che unisce insieme tecnologia, design, attivismo ambientale con la tradizione cinese di far volare gli aquiloni.

Gli aquiloni nel cielo notturno


Gli artefici di questa iniziativa sono stati due studenti della Carnegie Mellon University Deren Guler e Xiaowei Wang che hanno coinvolto la popolazione locale nel progetto FLOAT Bejing. Facendo volare degli aquiloni dotati sensori per il rilevamento i cittadini pechinesi hanno potuto così raccogliere direttamente i dati sull’inquinamento atmosferico.

La tecnologia utilizzata per FLOAT Bejing sfrutta Arduino ed è dotata di luci a Led colorate che si illuminano di un colore diverso a seconda del tasso d’inquinamento. I dati rilevati geolocalizzati poi possono essere memorizzati su una piccola schedina SD.
Lo scorso agosto i due ricercatori hanno tenuto dei seminari con la popolazione su come assemblare insieme queste colorate stazioni di rilevamento volanti. Il tutto si è rivelato molto semplice da utilizzare e il workshop è servito anche per iniziare a parlare del problema dell’inquinamento atmosferico in città.



like facebook Chiudi Finestra