• Intolleranza al glutine: come fare la pasta madre senza glutine
  • Pulizia del viso, maschere e lozioni decongestionanti fai da te
  • Bicarbonato di sodio, 8 ricette per l'igiene e il benessere personale
  • Erbe selvatiche commestibili, quali raccogliere a giugno
  • Nuova vita ai barattoli in vetro per  semi di piante
  • Seitan fatto in casa: come prepararlo con le proprie mani
  • Rimedi ecologici per pulire e ravvivare i pavimenti in legno
  • Elimina i tensioattivi utilizzando l'acqua bollente: guida alle pulizie domestiche eco
  • Come fare il bucato usando trucchetti ecologici
  • Perchè l'autoproduzione ti fa risparmiare eliminando lo spreco
  • Come fare il gomasio per le ricette vegan
  • Latte di soia: come farlo in casa in modo naturale
  • L'uso del bicarbonato di sodio: i 20 modi per utilizzarlo al meglio
  • Come preparare il detersivo per la lavatrice in casa. Guarda i video!
  • Come far durare a lungo la lavatrice e tenerla pulita
  • Lo shampoo fai da te: 4 modi per autoprodurlo
  • Tarme nei vestiti: come allontanarle dal guardaroba con rimedi naturali
  • Guida all'uso dello yogurt scaduto: dalla crema mani al balsamo per capelli
  • Pulizia del viso: come fare una maschera viso fai da te per combattere l'acne
  • Erbe selvatiche commestibili: quali mangiare e raccogliere a marzo (prima parte)
Scorri indietro Scorri avanti

Kamut o grano Saragolla? Perché non acquistare quello italiano?

Molte le leggende sulla Kamut: che è un marchio registrato del Nord America e non una qualità cerealicola che si coltiva anche in Italia con un altro nome

Kamut o grano Saragolla? Perché non acquistare quello italiano?


Tra Lucania, Sannio e Abruzzo era coltivato, e per piccole superfici terriere lo è ancora oggi, un tipo di grano Khorasan, TRITICUM Polonicum, il cui nome è Saragolla.
Questo è un grano molto simile a quello della Kamut, per cui la domanda nasce spontanea: visto che anche in Italia abbiamo delle qualità autoctone molto simili, per quale motivo dovremmo acquistare grano Kamut e suoi derivati?
Non c'è un motivo reale, tranne forse il fatto che la capillarità distributiva – e di marketing – dell'azienda americana è davvero notevole.

Questa questione è stata anche sollevata dai G. A. S. Gruppi D'Acquisto Solidale che hanno preferito rinunciare o limitare le farine della Kamut, cercando piuttosto sul territorio antiche varietà come la Saragolla. Questo per vari motivi: perché privatizzare un seme è un'azione che solleva dubbi e interrogativi; perché un cerale a km 0 è da preferire a uno che giunge dall'altro capo del mondo; perché un cereale autoctono, come qualsiasi altro prodotto, aiuta un agricoltore locale e il territorio locale che si riappropria di biodiversità e tradizione.  
Inoltre, vogliamo ricordarvi che sono molti i grani di origine antica che in Italia si sta cercando di recuperare: per citarne solo alcuni, il grano Verna o il SENATORE CAPPELLI.

Ma cerchiamo di capire che cos'è il grano della Kamut che non è il nome del cereale ma, bensì, il marchio con il quale un'azienda americana del Montana, la Kamut International ltd, produce e commercializza una varietà di frumento, il Triticum turgidum ssp. Turanicum.
Il nome popolare del Triticum turgidum ssp. Turanicum è grano rosso khorasan di origine iraniana ed ha caratteristiche simili agli altri grani "dicocchi" esistenti, come il farro (Triticum dicoccum) o il grano duro (Triticum durum o Triticum turgidum).
I primissimi 32 semi dai quali è partita tutta la storia della Kamut International furono regalati a Earl Dedman, aviatore americano, da un amico in spedizione in Egitto. Erano semi “puri”, mai modificati dall'uomo, non ibridati.
E puri sono arrivati fino ad oggi grazie a un lavoro di conservazione e coltivazione da parte della stessa Kamut International, almeno questo è ciò che l'azienda dichiara quando si parla della diversità tra il khorasan in commercio e quello da essa prodotto.

Il marchio è stato registrato nel 1991 con una precisa regola: solo il grano della varietà Turgidum ssp. Turanicum, coltivato da agricoltori associati, selezionati e con il seme distribuito loro dall'azienda medesima, poteva chiamarsi Kamut.
Tutti i terreni coltivati con Khorasan Kamut si trovano nel Nord America, Montana, Alberta e Saskatchewan: qui, aria, acqua e terra raggiungono un grado di perfezione tale da poter dare vita a questa peculiare varietà cerealicola.
Sul sito della Kamut International, www.kamut.com/it, si possono leggere alcune delle regole e caratteristiche che la coltivazione e la resa deve avere:  
 

  • Deve essere coltivato rigorosamente secondo il metodo dell’agricoltura certificata biologica;
  • Contiene un range di proteine fra il 12 e il 18%;
  • È puro al 99% da contaminazioni con varietà di grano moderne;
  • È al 98% privo di segni di malattia;
  • Contiene tra i 400 e 1000 ppb di selenio;
  • Non può essere utilizzato in prodotti il cui nome sia ingannevole o fuorviante sulla percentuale di esso contenuta;
  • Non deve essere mescolato a grano moderno nella pasta.


Gli agricoltori che chiedono di associarsi alla produzione devono garantire gli standard qualitativi che l'azienda richiede affinché sia mantenuta alta la qualità del chicco. Tutta la filiera viene controllata dalle varie filiali, una anche in Europa che si occupa appunto di vigilare su coloro che sono addetti alla macinazione e alla trasformazione di questo grano.
L'alta digeribilità di questo grano, secondo studi condotti dalla stessa Kamut International e a detta di molti consumatori, è dovuta proprio al fatto che, rispetto ai grani utilizzati dalla grande distribuzione, il Khorasan a marchio Kamut non è mai stato ibridato e quindi puro.  
Molte sono le polemiche nate dal fatto che sia coltivato solo in nord America, ma la Kamut International tiene a precisare che sono più di 20 i paesi europei nei quali si è tentato l'esperimento, ahimé senza successo a causa delle condizioni territoriali e climatiche non idonee.

Tra i falsi miti sul Kamut, quelli più importanti da sfatare sono che non è assolutamente un grano assimilabile dai celiaci, poiché contiene glutine, e che non è stato ritrovato nelle antiche tombe egizie.

È vero, invece, che da un punto di vista nutrizionale è un ottimo alimento, né migliore né peggiore, ma sicuramente valido per un'alimentazione varia e biodiversa.
È ricco di proteine e sali minerali come il prezioso selenio (la terra nord americana ne è ricca), lo zinco e il manganese, vitamine, la B1 e la E in prima fila, fibra e ben il 17% del chicco è formato da carboidrati, caratteristica che lo rende un alimento per chi conduce una vita molto movimentata o atleti.
 

Giulia Landini

ACQUISTA IL LIBRO "MANGIA SANO E SPRENDI POCO"
A PREZZO SCONTATO
13 euro invece di 14
CLICCA SULL'IMMAGINE

mangia_sano_e_spendi_poco

Puoi acquistarlo anche mandando una mail di richiesta a
commerciale@stilenaturale.com. Pagherai con bonifico bancario



like facebook Chiudi Finestra