• Erbe selvatiche commestibili: quali raccogliere ad aprile, prima parte
  • Come preparare in casa degli zuccheri aromatizzati
  • Come riciclare le vaschette per gli alimenti
  • Come risparmiare sul prezzo del carburante in sole 9 mosse
  • Come riciclare gli scarti vegetali per accendere il fuoco
  • Come riciclare le foglie del carciofo, anche come tisana purificante
  • Rimedi e trappola contro le zanzare: sei alternative naturali
  • Nove metodi per riutilizzare l'acqua di bollitura dei cereali
  • Riciclare le lampadine in modo creativo
  • Latte di soia: come farlo in casa in modo naturale
  • I rimedi per le zanzare: come difendersi dalle punture di zanzara in modo ecologico e naturale
  • Lo zucchero per risparmiare in casa: da scrub per i capelli a pulisci ruggine dall'acciaio
  • Seitan fatto in casa: come prepararlo con le proprie mani
  • Come fare in casa il dado vegetale a crudo
  • Tutto sui G.A.S. italiani: quanti sono, come si organizzano, dove trovarli
  • Come fare in casa il compost domestico
  • Guida alle proprietà dell'aglio: dalle punture d'insetto alla cura dei piedi. L'aglio un alleato naturale
  • Forfora, i rimedi naturali: dall'ortica alla barbabietola
  • Le vacanze con il cane: alberghi, spiagge e autogrill dove portare l'amico a 4 zampe
  • Iperico, tutti gli usi dell'Erba di San Giovanni e come preparare l'oleolito
Scorri indietro Scorri avanti

La Bella di Notte, il fiore del Perù dal quale si faceva il pane

La Mirabilis jalapa, profumatissima, si è diffusa in Europa nel XVI secolo con i suoi colori bianco, giallo, rosso,fucsia. In Cina vi si ottiene il colore cremisi

La Bella di Notte, il fiore del Perù dal quale si faceva il pane


La Mirabilis jalapa o Bella di Notte fu importata in Europa dalle montagne del Perù e coltivata a partire dal XVI secolo.  Forse per la capacità con cui si diffonde e si moltiplica, è una pianta che non è mai stata presa in gran considerazione dai giardinieri e considerata volgare.
Nel linguaggio dei fiori è il simbolo della timidezza per il fatto che i suoi fiori restano chiusi di giorno, nascosti ai raggi del sole, per poi aprirsi di notte e ravvivare le serate estive. In lingua cinese le belle di notte sono chiamate “fiori della bollitura del riso” (zhufàn huā) o “fiori della doccia” (xǐzao huā), poiché la apertura dei boccioli avviene proprio in concomitanza con queste attività serali.

La Bella di Notte è una pianta molto resistente e adatta ad essere coltivata d'estate poiché resiste bene alle alte temperature e può essere piantata in giardini e balconi senza problema.
Essa deve la sua notorietà anche al fatto che è servita al botanico tedesco Carl Correns (1864-1933) per i suoi esperimenti sull’ereditarietà e, più tardi, sempre come cavia per il controllo di altre leggi genetiche. La sua particolarità è quella di portare fiori di diversi colori (i più comuni sono bianco, giallo, rosso, cremisi, rosa, fucsia, violetto) sulla stessa pianta; inoltre i suoi fiori non hanno corolla ma sono costituiti dal calice, coloratissimo e profumato.

mirabilis_angolodellamicizia.forumfree.it_400

Un’altra qualità della Mirabilis, che interessa più l’entomologo che il botanico, è quella di esercitare una forza di attrazione irresistibile sulle farfalle notturne, per il profumo intensissimo che emana durante la notte. Chi abbia interesse a catturare degli esemplari di falene, non ha che da disporre le sue trappole nei pressi della pianta, come faceva Henri Fabre (1823-1915).

La radice delle belle di notte è un rizoma tuberoso e carnoso di colore rossastro che espande le sue radici in un’ampia area circostante ed ha un notevole potere purgativo ma gli unici prodotti che si ricavano oggi dalla Mirabilis non rientrano nel campo della medicina: in Giappone dai suoi semi polverizzati si estrae un cosmetico e in Cina, dai fiori immersi nell’acqua, si ottiene una tinta cremisi usata per colorare gelatine di alghe marine, che altrimenti avrebbero tinte poco appetitose.

Nel ‘700 invece sembra essere stato ben diverso l’utilizzo della Bella di Notte (o Sciarappa, come veniva chiamata allora): nella Memoria di Saverio Manetti “Delle specie di frumento e di pane siccome della panizzazione” (1765), egli scrive che la farina dei semi di questa pianta, “neri nella scorza ma bianchissimi e farinacei internamente”, fosse “ottima a far pane”.
Bisogna però fare attenzione se si hanno in casa dei bambini o degli animali domestici perché suoi fiori sono tossici.




like facebook Chiudi Finestra