• In quanti modi si può usare l'aceto? Almeno 20!
  • Come risparmiare in casa diventando eco-sostenibili
  • Lievito madre: come utilizzare gli avanzi
  • Come risparmiare sul prezzo del carburante in sole 9 mosse
  • Come fare in casa lo sciroppo di rafano, di salvia e di rosa canina
  • Come preparare in casa degli unguenti con oli essenziali fai da te
  • Riciclare piatti di plastica e di carta
  • Tutto sui G.A.S. italiani: quanti sono, come si organizzano, dove trovarli
  • Regali ecologici per San Valentino
  • Pulizia del viso: ecco come fare lo scrub viso fai da te
  • Come utilizzare l'acqua del condizionatore
  • Frutta secca: come prepararla in casa propria
  • Erbe selvatiche commestibili: quali raccogliere ad aprile, prima parte
  • Come riciclare le foglie del carciofo, anche come tisana purificante
  • Come fare in casa il Vermut con soli 3 euro e 10 centesimi
  • Erbe selvatiche commestibili di marzo, ecco la seconda parte
  • Come autoprodursi il caffè d'orzo, di cicoria e di tarassaco
  • Come usare la lavanda in casa o per la persona
  • Ricetta, Torta di mele e yogurt senza uova
  • Guida alle proprietà dell'aglio: dalle punture d'insetto alla cura dei piedi. L'aglio un alleato naturale
Scorri indietro Scorri avanti

Una casa di canapa? In Sud Africa, si può!

La bio casa è interamente costruita con hempcrete un truciolato ottenuto dal gambo della cannabis sativa. Di canapa anche tendaggi, la tappezzeria e le lenzuola

Una casa di canapa? In Sud Africa, si può!


Se pensate che canapa sia solo un sinonimo per marijuana, vi state sbagliando. La cannabis sativa si sta affermando in tutto il mondo come una risorsa naturale ed ecologica destinabile a diversi impieghi.
Quest’ultima è utilizzabile in cucina, nel tessile, come biocombustibile e nella bioedilizia.

Un esempio di casa biocompatibile realizzata con fibre e materiali derivanti dalla canapa viene dal Sud Africa, più precisamente a Noordhoek, vicino a Città del Capo.
Le pareti sono realizzate in uno speciale cemento naturale detto hempcrete che si ottiene dalla mistura tra il truciolato estratto dal gambo della pianta e della calce.



Le pareti realizzate con questa tecnica sono a basso impatto ambientale perché prodotte senza rilascio di anidride carbonica e anche perchè permettono alla casa di mantenersi fresca d’estate e calda d’inverno. In canapa sono realizzati anche i tendaggi, la tappezzeria le lenzuola e altre suppellettili.

L’unico neo è che la canapa utilizzata nella costruzione non è stata coltivata localmente a causa delle restrizioni ma importata dalla Francia. In ogni modo la casa di Noordhoek è uno dei tanti esempi di come sia possibile utilizzare questa risorsa che è stata definita come il materiale ecologico perfetto ma su cui gravano ancora tanti pregiudizi e poca informazione.


Letizia Materassi



like facebook Chiudi Finestra