• Rimedi naturali: togliere le macchie dai tessuti
  • Come fare il gomasio per le ricette vegan
  • Come riciclare i rotoli della carta igienica
  • Come preparare il detersivo per la lavatrice in casa. Guarda i video!
  • Lievito madre: che cos'è e come si fa
  • I 6 modi per riciclare la farina: dal sapone fatto in casa a come pulire il rame
  • Latte di riso: la ricetta per autoprodurlo in casa
  • Tutto sui G.A.S. italiani: quanti sono, come si organizzano, dove trovarli
  • Come fare i grissini riciclando la pasta madre
  • Fare l'amore con i cibi afrodisiaci: cosa cucinare per accendere l'eros
  • Polveri sottili, acari e formaldeide: come eliminarli dalla nostra casa
  • Per eliminare i cattivi odori usa il burro scaduto
  • Nuova vita ai barattoli in vetro per  semi di piante
  • 10 libri sull'autoproduzione e decrescita che non possono mancare nella vostra libreria
  • Bioedilizia e case ecologiche: guida all'acquisto di una casa naturale
  • Come riciclare le sciarpe e i foulard in modo creativo
  • Compost: ecco la compostiera fai da te per il compostaggio domestico
  • Gli usi del tè nella cura del corpo
  • I mille modi per usare il sale da cucina: dalla pulizia del forno all'eliminazione delle erbacce
  • Come combattere la muffa in casa in modo naturale
Scorri indietro Scorri avanti

Una casa di canapa? In Sud Africa, si può!

La bio casa è interamente costruita con hempcrete un truciolato ottenuto dal gambo della cannabis sativa. Di canapa anche tendaggi, la tappezzeria e le lenzuola

Una casa di canapa? In Sud Africa, si può!


Se pensate che canapa sia solo un sinonimo per marijuana, vi state sbagliando. La cannabis sativa si sta affermando in tutto il mondo come una risorsa naturale ed ecologica destinabile a diversi impieghi.
Quest’ultima è utilizzabile in cucina, nel tessile, come biocombustibile e nella bioedilizia.

Un esempio di casa biocompatibile realizzata con fibre e materiali derivanti dalla canapa viene dal Sud Africa, più precisamente a Noordhoek, vicino a Città del Capo.
Le pareti sono realizzate in uno speciale cemento naturale detto hempcrete che si ottiene dalla mistura tra il truciolato estratto dal gambo della pianta e della calce.



Le pareti realizzate con questa tecnica sono a basso impatto ambientale perché prodotte senza rilascio di anidride carbonica e anche perchè permettono alla casa di mantenersi fresca d’estate e calda d’inverno. In canapa sono realizzati anche i tendaggi, la tappezzeria le lenzuola e altre suppellettili.

L’unico neo è che la canapa utilizzata nella costruzione non è stata coltivata localmente a causa delle restrizioni ma importata dalla Francia. In ogni modo la casa di Noordhoek è uno dei tanti esempi di come sia possibile utilizzare questa risorsa che è stata definita come il materiale ecologico perfetto ma su cui gravano ancora tanti pregiudizi e poca informazione.


Letizia Materassi



like facebook Chiudi Finestra